Corciano, si punta sempre di più sull'acqua pubblica: nuova fontanella per tutti i gusti

Dopo l’installazione di due erogatori di acqua pubblica, a San Mariano, nel quartiere Girasole  ed a Mantignana, nei pressi del Circolo Arcs, arriva il terzo ad Ellera. 

“I lavori stanno per essere avviati – dice l’assessore ai lavori pubblici Luca Terradura – in continuità con il disegno perseguito fin dall’insediamento di questa Amministrazione. L’impianto – prosegue – avrà la stessa fisionomia dei precedenti e troverà spazio nel parcheggio alla rotatoria del Kiss Bar, sul lato della Sala del Regno dei Testimoni di Geova. Contiamo di terminare nei prossimi mesi, così da inaugurare sicuramente entro l’anno. E’ un ulteriore servizio per la cittadinanza, dopo l’impegno assunto per la riqualificazione di tutta la frazione di Ellera”.

L’iniziativa, annunciata in precedenza e che ora entra nella sua fase operativa, rientra nel “Progetto Fontanelle”, promosso da Umbra Acque in collaborazione con la Regione Umbria, l’ATI 2 ed i Comuni interessati, finalizzato a dotare i territori di moderni erogatori automatici di acqua pubblica proveniente dall’acquedotto. Sul valore del progetto, che coniuga servizio, economicità, tutela e cultura dell’ambiente, insiste anche l’assessore Giuseppe Felici “L’installazione di fontane  per la distribuzione di acqua pubblica è importante e serve per ribadire che l’acqua pubblica rappresenta un bene comune, da valorizzare e salvaguardare, sia da parte dell’amministrazione che dei cittadini”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il distributore permetterà ai corcianesi di fornirsi di acqua a chilometro zero – spiega – e soprattutto di favorire un consumo  di acqua pubblica più sana e più controllata. Parallelamente potrà ridursi in maniera significativa l’inquinamento da trasporto su gomma, ci sarà una minore produzione di rifiuti in particolare le bottiglie, perlopiù di plastica che sono lo scarto dell’acquisto di acque minerali”. “Accanto alla contrazione delle emissioni e della produzione dei rifiuti – conclude Felici – potremo dare un significativo impulso alla pratica del riuso, visto il riutilizzo dei cestini e delle bottiglie per effettuare gli approvvigionamenti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso per l'assunzione di 2133 funzionari della pubblica amministrazione: il bando

  • Umbria, tragedia a Terni: trovati morti a 15 e 16 anni, indagini in corso

  • Umbria, adolescenti trovati morti: uomo in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Umbria, Flavio e Gianluca morti dopo un mix di droghe: parlano i genitori

  • Omicidio Polizzi, la Cassazione scrive la parola fine: i Menenti tornano in carcere, Riccardo per sempre

  • Magione, una serata da incubo: invasione di chironomidi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento