Grido d'allarme dal mondo della formazione professionale: "Noi dimenticati dai decreti, andiamo comunque avanti a testa alta"

Intervista al direttore di ECIPA Umbria, Fabio Matera, che ha attivato per i suoi 202 studenti la didattica a distanza, sebbene gli incentivi governativi non contemplino il mondo della formazione professionale

Formazione professionale, la grande dimenticata. Durante l’emergenza nazionale da Covid-19, la prima realtà a venire fermata per il contenimento del contagio è stata la scuola, non solo quella pubblica, ma anche la multiforme realtà della formazione professionale.

Si tratta di un contesto che in Umbria impegna ogni anno tra i 600 e i 700 studenti, ragazzi che scelgono di percorrere le via dell’apprendimento di un mestiere e che, alla fine del percorso di studio, trovano un’occupazione nell’82% dei casi. Questi in particolare sono i risultati conseguiti dagli studenti di ECIPA Umbria, una realtà che oltre 25 anni si occupa di formazione e orientamento professionale per giovani (e non solo).

Abbiamo raggiunto il direttore di ECIPA, Fabio Matera, che ci ha spiegato: “Quando si parla di scuola, si pensa solo alla scuola statale, senza prendere in minima considerazione l’efficacia e l’importanza del sistema della formazione professionale: anche nei recenti decreti emanati durante l’emergenza Coronavirus, che hanno previsto stanziamenti per incentivare la didattica a distanza, nessun accenno al mondo della formazione professionale. Nessun incentivo per le nostre scuole, quindi, dove in realtà l’utenza è spesso quella più svantaggiata, più debole, con situazioni familiari difficili”.

Nonostante ciò, ECIPA, ci spiega ancora il direttore Matera, non si è fermata: fin dal 30 Marzo, cioè quando ha ottenuto l’autorizzazione per farlo, sono state attivate le aule virtuali per raggiungere i 202 alunni attualmente iscritti tra Perugia e Terni ai vari corsi attivi.

“Tra il 30 Marzo e il 30 Aprile abbiamo effettuato 1112 ore di formazione a distanza, coinvolgendo circa 70 docenti e registrando una partecipazione media dei nostri studenti del 90% (i primissimi giorni era del 93%). Pertanto va detto come anche la risposta dei nostri ragazzi sia stata davvero sorprendente, forse anche per l’allontanamento dai compagni e il lockdown, tutti hanno mostrato una necessità di stare connessi. Siamo riusciti a coinvolgere anche i ragazzi che risiedono nelle case famiglia, parlando con i loro tutori”.

Quale futuro si prospetta per la formazione professionale con l’emergenza ancora in corso? Quando e come si tornerà in aula in sicurezza?

“Attualmente - prosegue Matera - abbiamo confermato il nostro calendario scolastico fino al 3 luglio, come da programma, continuando con la FAD; dopo avremo due mesi di tempo per attuare quei protocolli per la sicurezza che ci auguriamo vengano dettati, disponendo al meglio le nostre aule e le nostre strutture, compresi i laboratori, per accogliere studenti e docenti nella massima sicurezza. Se dovessimo dividere in più gruppi le classi, come si sta profilando per il rientro a settembre, stiamo anche pensando che sarà importante pure la risposta del sistema dei trasporti scolastici, per garantire a tutti gli studenti di poter raggiungere la scuola anche durante il pomeriggio”.

Insomma sono tante le criticità a cui è sottoposto il mondo della formazione professionale in questo momento, alle quali si aggiunge la “dimenticanza” da parte del Governo di un ambito così importante: ci auguriamo che la situazione cambi e che anche questo settore così strategico per la formazione dei lavoratori del domani più prossimo possa trovare la giusta priorità nelle agende dell'emergenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento