rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Eventi

Sabato 11 maggio allo Zenith Adele Tulli con "Normal", per confrontarsi con Perugia sui temi complessi dell'identità di genere

“Normal” osserva e racconta i rituali sociali, per ognuno dei generi, nei contesti più ordinari e familiari, pubblici e sociali. Insomma: un viaggio alla ricerca di quello che si definisce “normalità”, in un contesto ironico e spiazzante

Sabato 11 maggio viene allo Zenith Adele Tulli per confrontarsi con Perugia su temi complessi, e di grande attualità, come l’identità di genere. La regista presenta il docufilm “Normal”, vincitore del Concorso internazionale documentari Real Lovers della 34.ma edizione del Lovers Film Festival – Torino  LGBTQI Visions. L’opera ha partecipato alla Berlinale 2019 suscitando vivo interesse.

Seguendo la linea culturale dello Zenith di incontri con l’autore, il film viene proposto alle 19:30. L’autrice incontrerà il pubblico perugino sia prima che al termine della proiezione. A coordinare l’evento il critico Andrea Fioravanti. Il concetto che caratterizza il prodotto consiste nella convinzione, di carattere sociale e antropologico, che il genere definisca e orienti il nostro agire quotidiano, influenzandone gesti, desideri, comportamenti e aspirazioni. Il discorso verte dunque sulle dinamiche di genere nell’Italia di oggi, raccontate attraverso un mosaico di scene di vita quotidiana, dall’infanzia all’età adulta. 

Le sequenze e i personaggi sono dunque espressione dell’identità che si rivela in palestra o in spiaggia, in discoteca, in chiesa, in un parco giochi o al centro estetico. “Normal” osserva e racconta i rituali sociali, per ognuno dei generi, nei contesti più ordinari e familiari, pubblici e sociali. Insomma: un viaggio alla ricerca di quello che si definisce “normalità”, in un contesto ironico e spiazzante.

Sarà possibile superare gli stereotipi e le convenzioni di genere? Sono passati oltre quarant’anni da quando leggemmo “Dalla parte delle bambine”, di Elena Gianini Belotti: un libro veramente educativo che ci raccontò gli equivoci e le convenzioni che presiedono all’identità personale e sociale. Dichiara Adele Tulli: “Ho cercato di riflettere su ciò che è invisibile, totalmente normalizzato e quotidiano. Non volevo dare delle risposte, ma porre degli interrogativi”. Posizione impeccabile. Un film, dunque, quanto mai necessario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sabato 11 maggio allo Zenith Adele Tulli con "Normal", per confrontarsi con Perugia sui temi complessi dell'identità di genere

PerugiaToday è in caricamento