rotate-mobile
Giovedì, 29 Settembre 2022
Eventi

Vent’anni e non sentirli. Velimna propone la sua edizione più brillante e completa. Con significative novità per 'giovani' di tutte le età

Vent’anni e non sentirli. Velimna propone la sua edizione più brillante e completa. Con originali proposte e significative novità.

L’evento tenuto all’interno del deposito e laboratorio di restauro della Necropoli del Palazzone.

Al presidente Antonello Palmerini il compito di fare il punto sulle iniziative già intraprese per un pieno coinvolgimento della componente giovanile. Ricorda dunque, la fortunata proposta tenuta nella storica biblioteca del convento di San Francesco al Monte (Monte Ripido) che ha visto protagonisti giovani musicisti e archeologi vicini alla Associazione ponteggiana [INVIATO CITTADINO Monte Ripido. La Pro Ponte celebra un festoso/fastoso ventennale (perugiatoday.it)].

La prima grande novità. Il progetto attori. Verrà costituita una “Velimna Academy” dedicata alla formazione di giovanissimi per l’acquisizione di competenze registico-attoriali da spendere anche in occasione del corteo storico e delle rievocazioni. Corsi legati a conoscenze di carattere storico, recitativo, moda e costume, utili nella realizzazione di ricostruzioni e quadri di vita quotidiana.

Il progetto Pinqua. Attivo coinvolgimento nel “Progetto Pinqua, Ponte San Giovanni da periferia a città”, al fine di tessere una rete di proficue relazioni e ricucitura di spazi pubblici con adeguata valorizzazione. Sul tema interviene con competenza l’assessore Margherita Scoccia che ne resta il punto di riferimento.

La sintesi di attività di un luminoso ventennio. Ad Alvaro Azeglio Mancioli che di Velimna fu fondatore, insieme a Fausto Cardinali, il compito di ricucire e testimoniare la vasta gamma di iniziative culturali dipanatesi nell’arco di quattro lustri. Evento previsto per sabato 15 ottobre (ore 10:00) alla Sala del Consiglio provinciale. Con Mancioli saranno le archeologhe Luana Cenciaioli e Agnese Massi Secondari.

La benedizione del parroco don Antonio. A sancire la partecipazione dell’intera comunità, la presenza (con benedizione e preghiera) del parroco che ha riconosciuto la valenza sociale e culturale dell’Associazione.

I saluti istituzionali di Erika Borghesi, consigliera comunale e provinciale, che si è brevemente soffermata sulla condizione femminile nel mondo etrusco.

L’Assessore all’urbanistica Margherita Scoccia ha sottolineato il significato e il ruolo dell’adesione di Velimna al progetto di rigenerazione che vedrà Ponte San Giovanni protagonista di un processo di riqualificazione di forte significato sociale, civile e culturale.

La straordinaria ricostruzione delle pitture murali dei Volumni attraverso un procedimento che le fa rivivere nella loro consistenza attraverso indagini di carattere archeometrico-fotografico. Sono emerse due figure, ormai completamente svanite, da una sezione di urna in cui era rappresentata la porta di accesso all’Ade. Scoperta che è frutto di un processo tecnologico innovativo, effettuato da Luciano Marras insieme a Vincenzo Palleschi che ne ha riferito, con la collaborazione di Maria Angela Turchetti, direttrice del Manu e dell’Ipogeo, cui è spettato il compito di tratteggiarne il significato storico-archeologico.

La relazione e il volume di Luana Cenciaioli. A chiudere, una relazione della responsabile scientifica di Velimna, Luana Cenciaioli, che ha presentato i capolavori presenti nell’Antiquarium del Palazzone e nell’Archeologico di cui è stata direttrice.

A breve la presentazione di un volume della stessa Cenciaioli “Perugia etrusca e romana. Archeologia di un territorio” (Il Formichiere), annunciata per venerdì 21 ottobre, ore 16:30, al Museo Archeologico Nazionale dell’Umbria.

Ventanni di Velimna

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vent’anni e non sentirli. Velimna propone la sua edizione più brillante e completa. Con significative novità per 'giovani' di tutte le età

PerugiaToday è in caricamento