A Perugia la facoltà che insegna a esportare le eccellenze italiane: unica nel suo genere

Primo bilancio per il nuovo corso di Laurea Magistrale in Traduzione e Interpretariato per l’Internazionalizzazione dell’impresa, nato dalla collaborazione tra l'Università per Stranieri e la Scuola Superiore per Mediatori Linguistici di Perugia

Una proposta accademica che nasce dall'incontro tra due eccellenze formative del territorio - una pubblica (l'Università per Stranieri) e una privata (la Scuola Superiore per Mediatori Linguistici - SSML) – per rispondere alla crescente richiesta nel mercato del lavoro di figure professionali in grado di dare respiro internazionale al Made in Italy. È un primo bilancio estremamente positivo quello del nuovo corso di Laurea Magistrale in Traduzione e Interpretariato per l’Internazionalizzazione dell’impresa, entrato nel vivo in queste settimane, a Perugia, nei locali della SSML a Case Bruciate. “Siamo molto soddisfatti della risposta degli studenti - sottolinea Catia Caponecchi, direttrice della Scuola Superiore per Mediatori Linguistici – vuol dire che questo corso di laurea dà una risposta concreta ai tanti che, terminata la triennale, dovevano rinunciare a proseguire gli studi o erano costretti a trasferirsi fuori dall'Umbria”. Elemento vincente del nuovo corso di laurea magistrale, risultato di un virtuoso modello di cooperazione tra pubblico e privato, è l'unione delle competenze specifiche dei due enti coinvolti: da una parte le lingue e la traduzione, dall'altra le materie legate all'internazionalizzazione di impresa. “L’internazionalizzazione – precisa Giovanni Paciullo, Rettore dell'Università per Stranieri di Perugia - è la sfida che noi tutti dobbiamo affrontare oggi, e questo nuovo percorso formativo è la risposta ai bisogni degli studenti e al continuo cambiamento degli scenari del mondo del lavoro. Ed è per questo che le nostre competenze in tema di internazionalizzazione rappresentano un consolidato patrimonio condiviso con studenti, aziende e istituzioni”.

Con un'attenzione particolare alle esigenze e alle indicazioni che arrivano del mondo del lavoro. “Accanto alle lezioni tradizionali – prosegue Isabella Preziosi, coordinatrice didattica della Scuola Superiore per Mediatori Linguistici – in queste prime settimane abbiamo infatti già proposto anche due seminari più tecnici, molto seguiti e partecipati da tutti gli studenti, per metterli già in contatto con il mondo professionale”. In particolare, con la partecipazione dell'Associazione italiana traduttori e interpreti, si è parlato di traduzione automatica e post editing, tema chiave nell'approccio contemporaneo all'interpretariato, soprattutto in ambito economico e produttivo, in cui è sempre più richiesta la capacità di usare i nuovi strumenti informatici per qualificare ulteriormente il proprio intervento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 18 maggio: nessun nuovo caso, aumentano ancora i guariti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa del contagio al 19 maggio: tutti i dati comune per comune

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Continua la campagna anti-Umbria sui contagi, ma il bollettino smentisce tutti: zero contagiati anche oggi, zero morti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento