rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Eventi Bastia Umbra

Un percorso di filiera che certifica la qualità di un grano totalmente italiano: il progetto "vincente" di Molini Fagioli a Expo Tecnocom

Presenti Camelia Rusu, campionessa mondiale di pizza in teglia, e Tony Scalioti, pizzaiolo con 25 anni di esperienza, nello stand dell’Università dei sapori, partner dell’azienda molitoria magionese, che hanno preparato pinse molto apprezzate dai visitatori

Ha guadagnato l'interesse di molti la presenza in questi giorni a Expo Tecnocom, la fiera professionale per il settore dei pubblici esercizi, delle attività ricettive e dell’arte bianca in scena al centro fieristico Umbriafiere di Bastia Umbra, dell'azienda umbra Molini Fagioli con il suo progetto Oirz, in collaborazione con l'Università dei Sapori.

Si tratta di un percorso di filiera completamente tracciabile e protetto per la produzione di grano da origine italiana a residuo zero, che ha portato l’azienda Molini Fagioli a conquistare un posto di eccellenza tra i produttori italiani artigianali di farine.

“Molini Fagioli è un partner straordinario – ha raccontato il coordinatore dell’Università dei sapori, Giorgio Bistarelli – che abbiamo scelto perché di fatto condividiamo gli stessi valori che vogliamo trasmettere agli allievi: una cultura del benessere e della sana alimentazione, che valorizza le produzioni locali di qualità. Il loro progetto Oirz, in particolare, è rivoluzionario, perché ha avuto l’ambizione di dar vita a farine provenienti da una filiera agricola locale e circolare, con grano 100% umbro, e a mio parere va preso ad esempio anche per altri progetti non necessariamente legati al mondo della farina”.

A confermare la qualità delle farine Molini Fagioli sono stati anche Camelia Rusu e Tony Scalioti, pizzaioli che dopo aver provato questi prodotti non se ne sono più separati, tanto da diventare brand ambassador Molini Fagioli. La giovane Camelia, in particolare, è la campionessa mondiale in carica di pizza in teglia, titolo conquistato al campionato del mondo della pizza di Parma. Per la sua pizza ‘Trionfo’ ha utilizzato proprio la farina ‘Audace’ dei Molini Fagioli, farcendo poi la pizza con fiori di zucca, mozzarella tagliata a julienne, stracciatella di bufala, soffice di groppa di cintale, spuma di bazza di cintale, pepe nero Timut e olio di bergamotto. Una fermentazione di 18 ore a 18 gradi, l’aggiunta di farina integrale, sempre dei Molini fagioli, ed ecco servita la vittoria.

A Expo Tecnocom, martedì 8 novembre, Camelia ha riproposto proprio questa ricetta in versione ‘pinsa’ ai visitatori dello stand dell’Università dei sapori e insieme a Tony, che conduce la sua attività ad Anagni e vanta un’esperienza di 25 anni nel settore, hanno guidato i presenti nelle degustazioni, raccontando le loro storie e la loro passione.

“Di farine ce ne sono tante – ha spiegato Camelia – ma nessuna di quelle che ho provato è riuscita a eguagliare la qualità di quella dei Molini Fagioli –. Il livello è altissimo, ti riporta a sapori e profumi delle farine di una volta e si presta bene ad ogni lavorazione. Il Molino mantiene una produzione artigianale, non macina più del dovuto ed è attento alla sostenibilità, agli agricoltori e all’ambiente”.

“Un molino unico in Italia – ha aggiunto Tony – con farine che hanno zero residui e zero pesticidi. Per le mie pinse sono perfette. Ho iniziato a fare la pinsa romana 14 anni fa ma da qualche anno non ero più soddisfatto della farina. Mi sono messo alla ricerca di un prodotto che si differenziasse da tutti gli altri e fosse salutare, perché ormai il cliente è disposto anche a mangiare di meno, ma bene e spendere di più; magari si reca meno spesso in pizzeria, però quando lo fa preferisce trovarsi davanti a un prodotto di un certo livello”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un percorso di filiera che certifica la qualità di un grano totalmente italiano: il progetto "vincente" di Molini Fagioli a Expo Tecnocom

PerugiaToday è in caricamento