menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trio del Dónca a Fontenovo: momenti di allegria e di riflessione con persone meno fortunate

Un pomeriggio ai “Bonvecchi” (come si dice a Perugia) per condividere momenti di allegria e di riflessione con delle persone meno fortunate. L’Accademia del Dónca prosegue il suo rapporto con la città, attraverso iniziative che prevedono incontri, spettacoli, occasioni benefiche a vantaggio dei cittadini della Vetusta. Ieri c’è stato l’atteso ritorno al teatrino della Casa di riposo di Fontenuovo, in via Enrico dal Pozzo. Il presidente Orfeo Ambrosi chiama… e il Trio Perugino del Dónca risponde. Portando con sé la tarsia realizzata dal borgarolo della Pesa Rolando Chiaraluce che riproduce l’omino del Dónca, disegnato dall’indimenticabile grafico Marco Vergoni (foto).

Tanti gli spettatori che hanno scelto di partecipare per manifestare attaccamento all’Accademia e ai suoi valori identitari, non meno che all’istituzione fondata, nel lontano 1885, dalla Congregazione delle Piccole Sorelle dei Poveri (oggi Onlus “Fontenuovo, residenze per anziani”). Momenti di sano divertimento, offerti da Fausta Bennati, Leandro Corbucci e Gian Franco
Zampetti. Presentati e coordinati da Sandro Allegrini, fondatore dell’Accademia della lingua e della cultura perugina. Un programma divertente per fare un po' di bene, con ingresso libero e offerta... se agli spettatori andava di farla.

Letture tratte dall’opera dei peruginissimi autori Claudio Spinelli, Artemio Giovagnoni, Fausta Bennati, Umberto Alunni Breccolenti, Giampiero Mirabassi, Raimondo Cerquiglini. Accoglienza calorosa, applausi, richieste di bis… come di consueto. E gli occhi degli assistiti che si accendono, nel riscoprire le cadenze dell’antico idioma.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento