menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine d'archivio Trasimeno visto dall'alto

Immagine d'archivio Trasimeno visto dall'alto

Tomba etrusca, ecco come aiutare e salvare uno dei più antichi ritrovamenti in Umbria

L'antica tomba- datata intorno al II secolo a.C.- era stata riaperta nel 2013, ma a causa della rottura di un grosso tubo di acqua aveva subito un rovinoso allagamento

Una cena di Carnevale per raccogliere fondi a favore della tomba etrusca di "Paradiso", splendido esempio di struttura funeraria in stile ellenistico del II sec. a.C. e considerata, da illustri studiosi, una delle tombe più interessanti del territorio fra Umbria e Toscana.

La cena si terrà sabato 25 febbraio alle ore 20 presso il Circolo Sportivo di Vaiano ed è organizzata dallo stesso circolo e dall'Archeo Trasimeno: menu a base di cinghiale, con pappardelle al cinghiale e cinghiale e polenta; non mancheranno i tipici dolci di carnevale. Il ricavato è destinato interamente ai lavori di ripristino della tomba che, riaperta nel 2013, ha poi subito un rovinoso allagamento nel 2014, dovuto alla rottura di un grosso tubo dell'acqua potabile

La tomba di Paradiso, che per le sue caratteristiche appartiene ad una serie di edifici diffusi con una certa ampiezza nell’Etruria interna settentrionale, ed in particolare nell’area di influenza chiusina e perugina, è quindi momentaneamente inagibile e chiusa al pubblico.

La scoperta della tomba avvenne nel gennaio 1908, all’interno della sepoltura vennero rinvenute due urne cinerarie in arenaria con coperchio recante iscrizioni in carattere etrusco, e due anfore, oltre a scarsi frammenti di corredo, dei quali si è persa ogni traccia. La porta di accesso è formata da un lastrone in travertino, come il resto della struttura, in grado di ruotare e di garantire la chiusura e l’apertura. La camera, di forma quadrata di circa due metri di lato, è formata da blocchi di travertino accuratamente rifiniti, sui quali poggia una volta a botte.

Dopo la scoperta vi fu un lungo periodo di sostanziale abbandono finché, quasi cinquant'anni fa, ebbe una buona sistemazione, con la costruzione di un solaio di copertura e una delimitazione con ingresso autonomo; purtroppo la mancanza di manutenzione e soprattutto alcuni pesanti interventi realizzati nelle immediate adiacenze hanno provocato il distacco e la frana di parte del terreno che delimita il dromos (corridoio di accesso) della tomba, con il conseguente ingombro del dromos stesso e la sostanziale inaccessibilità della tomba. Per le prenotazioni sono disponibili due numeri di telefono: 335.6649418 (Fabio) e 075.9659379, numero del Circolo di Vaiano. (AKR)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento