Pronti gli oscar del calcio: questa sera parola agli esperti

  • Dove
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 13/06/2017 al 13/06/2017
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Il calcio va in vacanza e  "Testimonianze dall'Umbria", la trasmissione di intrattenimento, in onda alle 21.30 su Tef channel e canale 831 di Sky, questa volta  si occupa dello sport  più bello del mondo.  "Il calcio e chi lo racconta", è il titolo della puntata Con il conduttore Mario Mariano, corrispondente da più di 40 anni  del quotidiano sportivo torinese "Tuttosport", interverranno esperti di lungo corso, che  scrivono di calcio, conoscendone  ogni sfaccettatura :Elio Clero Bertoldi, Claudio Sampaolo, Antonello Menconi ed Alessandro Riccini Ricci.  Bertoldi, giornalista del "Corriere dello Sport", vuole ricordare che "anche i grandi poeti e scrittori hanno reso onore al calcio, considerato  argomento  mai inferiore ; c'è una bellissima poesia di Umberto Saba – ricorda-  dedicata al ruolo  del portiere, alla  sua solitudine, allo scoramento quando il pallone finisce in rete ". Tanti i temi dibattuti, uno di questi se il giornalista può manifestare   simpatie per una squadra.

L'ipotesi prevalente è quella della necessità di  " equilibrio e professionalità  come  garanzia di  un racconto coerente con la realtà. Claudio Sampaolo, cronista che nel tempo ha collaborato  con o  quattro  giornali con edizione regionale -Il Messaggero-Umbria", "La Nazione-Umbria", "Corriere dell'Umbria" e "Giornale dell'Umbria", oltre ad aver diretto  il giornale "Il Perugia", dal 1990 al 1998, è  un convinto fautore del ritorno del giornale tradizionale, fenomeno che in America è ripartito da tempo con successo.  “ Va bene internet, ma l’approfondimento, il racconto, l’analisi di un avvenimento si deve tornare a leggerla sul giornale tradizionale”. Antonello Menconi, corrispondente da Perugia per la "Gazzetta dello Sport" ed autore di due libri sul Perugia dal titolo "Un sogno chiamato serie B" e "Aspettando la serie A", conosce la diversa tipologia dei lettori , e lancia una sorta di provocazione : “ non vedo folle di giovani presso le edicole, anzi penso che le nuove generazioni  non vi abbiamo mai messo piede”. Per  Alessandro Riccini Ricci, promoter del "Festival del Calcio" e Ivano Porfiri, direttore del giornale on-line "Umbria24"  il calcio continua ad avere  una visione romantica;  propulsore di passioni sportive, ma anche capace di alzare la cultura sportiva. "La mia passione per quel mondo magico che ruota attorno ad un  pallone, ha una data precisa, -ricorda Porfiri-: as cinque anni i miei genitori  dalla provincia di  Roma mi portarono allo stadio  di Firenze, città dove mio fratello faceva il servizio di leva . da quel giorno mi innamorai della Fiorentina, che ancora oggi è la mia squadra del cuore. Come tifoso viola confesso di  non aver gufato la Juventus nella finale di Manchester, ma di non aver seguita certo con trasporto”.

Tempo di rendiconti e se secondo Bertoldi "Nicola e Gasperini meritano il podio più alto, anche Bucchi ha realizzato un'impresa". Su Bucchi si esprime compitamente anche  Sampaolo: " Bucchi è un potenziale fuoriclasse per quello che ha fatto vedere a Perugia. Era una scommessa ed ha avuto a disposizione giocatori a loro volta autentiche scommesse. La serie A  è stata perduta per l'errore di Gnahore a Benevento, ma anche per l'incredibile annullamento del gol di Di Carmine. Gli arbitri hanno discusso per più di due minuti". Meno d'accordo sul mercato e sul mancato arrivo di un centravanti: " Non è vero che a Bucchi è mancato un centravanti, sono mancati Di Carmine e Nicastro a tempo pieno. I due attaccanti hanno giocato quasi la metà rispetto ai  bomber di Spal, Verona, Frosinone e Benevento. Come se Bucchi ne avesse disposto solo per un tempo a partita". La palma del migliore  allenatore della Serie A, Sampaolo la conferisce a Maurizio Sarri, allenatore del Napoli: "L'oscar del gioco, in serie A, lo merita Sarri, che a Perugia non combinò nulla perché era cocciuto e non riuscì a convincere i giocatori sulla validità del suo gioco”. Il dibattito si anima con minuzia di particolari ed analisi non superficiali  Se Bertoldi vota per Davide Nicola e il suo Crotone, capace di recuperare all'Empoli ben undici punti, Antonello Menconi non ha dubbi ed assegna l’oscar a Gasperini, però senza dimenticare  Nicola, mentre per la serie B  Semplici si distingue su tutti, perché la vera grande rivelazione è stata la Spal, partita male, con un gioco modesto all’inizio  di campionato”.  Non poteva mancare l’analisi sulla utilità della tecnologia .

E’ scettico Menconi ("La tecnologia nel calcio eliminerà solo una parte delle polemiche legate alle decisioni arbitrali, mentre nella pallavolo i risultati della moviola sono decisamente positivi". Ad Ivano Porfiri resta un rammarico : “ Confesso che ho controllato l’itinerario del viaggio che Nicola sta facendo per arrivare da Crotone a Torino in bicicletta, mi sarebbe piaciuto intervistarlo se fosse transitato in Umbria. Non è cosi, ma resta un campione da ammirare”.  Sul rinvio o sull’annullamento del "Festival del calcio",  di cui sono state realizzate due edizioni, con la presenza di grandi protagonisti, Alessandro  Riccini Ricci è abbottonato ma non troppo : "Il festival del calcio diffonde un messaggio di amore per uno sport ricco di fascino e contraddizioni. Il calcio dei sentimenti deve proseguire, forse si ripeterà a Perugia nel mese di settembre, le idee sono chiare su ospiti ed argomenti, ma si tratta di eventi che hanno bisogno del sostegno delle istituzioni”. La sensazione è che Riccini Ricci stia pensando seriamente a spostare la sede del festival in altre città e al momento il derby è con Firenze. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

I più visti

Potrebbe interessarti
Torna su
PerugiaToday è in caricamento