Prosegue con successo la stagione musicale al San Barnaba con un duo pianistico eccezionale

Prosegue con successo la stagione musicale all’auditorium perugino di San Barnaba. Stavolta è toccato al duo pianistico Campisi-De Vero che ha entusiasmato il pubblico (sempre poco, rispetto alla qualità della proposta e in considerazione dell’ingresso libero). Paolo Castellani, direttore artistico della kermesse (nel nome e nella memoria dell’indimenticato monsignor Nello Palloni che volle quel teatro e quell’auditorium) chiama le eccellenze musicali da tutta Italia.

I due pianisti dicono scherzando: “Siamo uno siciliano (Giuseppe Campisi) e uno napoletano (Aldo De Vero): insomma, se il paragone non fosse allarmante, si potrebbe dire l’Etna e il Vesuvio”. Quindi scherzano sul fatto che il lodo sodalizio unisce la cucina di Avola con la pizza di Napoli. Ma poi, quando affrontano a quattro mani il repertorio di Busoni e di Moszkowski, fanno venire i brividi.

Il Duo ha suonato in Irlanda, Francia, Romania, Spagna, Regno Unito, Usa, Canada e compare spesso in Rai e tv straniere. Vanno forte interpretando letteratura per pianoforte a quattro mani e a due pianoforti. Offrono un virtuosismo spericolato, un’intesa totale, un’interpretazione dialettica e armoniosa. Si vorrebbe che Perugia approfittasse di eventi come questo, a costo zero e ad elevato tenore artistico. Prossimo appuntamento: domenica 2 aprile col duo Pellecchia-Vendemia (pianoforte e clarinetto).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo e freddo, prima nevicata dell'inverno 2019: il bollettino e le aree che saranno imbiancate

  • Inchiesta anti-ndrangheta a Perugia, tutti i nomi degli arrestati e fermati in Calabria e in Umbria

  • Aereo guasto atterra e si schianta, morti e feriti: la super esercitazione all'Aeroporto di Perugia

  • Si perde nella palude per inseguire un animale, cane salvato dai vigili del fuoco

  • Lungo la Pievaiola scontro tra tre auto all'ora di cena: mezzi distrutti, feriti

  • Arresti per 'ndrangheta, la cosca perugina faceva paura: "Basta una mia parola e si pisciano addosso"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento