menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Decolla con successo il Festival Artres a San Savino: concerti, spettacoli e cena a base di pesce di lago

Singolare la modalità di accesso allo spettacolo. Ingresso libero con  l’impegno di acquistare, a 5 euro, un prodotto tipico del territorio lacustre: fagiolina, ceci, olio, vino, zafferano

Decolla con successo il Festival Artres a San Savino. Dopo la memorabile serata concertistica con gli allievi della Hewitt, ieri è toccato a due spettacoli teatrali. Abbiamo assistito a quello di Elena Guerrini, fondatrice e direttrice del MAV, teatro a veglia. Chi ha conosciuto l’ambiente rurale sa che l’andare “a veglia” era una modalità sociale in voga nel mondo contadino fino agli anni Cinquanta. Consisteva nel recarsi a casa di una famiglia amica intrattenendosi su discorsi legati a questioni di lavoro e di amicizia, di ricordi e tradizioni,  di confidenze e matrimoni (combinati o… da combinare). Era, insomma, l’antecedente della comunicazione televisiva, passiva e massificante.

Elena Guerrini racconta le storie del nonno, del suo lavoro, dell’impegno nell’orto e nel podere, storie di preti e di corna, di contadini derubati dal padrone e dal fattore, di furbizie e nequizie, di detti e contraddetti della cultura contadina. Insomma: uno spasso, ma anche una rigorosa documentazione storico-linguistico-antropologica di un come eravamo, che genera curiosità e nostalgia. Elena è anche autrice del libro “Orti insorti”, che racconta colture e culture.La Guerrini si è presentata su una scena spoglia, accompagnata da un musicista complice che, con la chitarra, ha evocato sapori e saperi, ambienti e atmosfere. Uno spettacolo che ha immediatamente conquistato adulti e bambini.

Singolare la modalità di accesso allo spettacolo. Ingresso libero con  l’impegno di acquistare, a 5 euro, un prodotto tipico del territorio lacustre: fagiolina, ceci, olio, vino, zafferano. L’acquisto veniva poi offerto ai teatranti in cambio della loro performance. Consentendo loro di portare con sé i sapori e le memorie del Lago. Insomma: una modalità intelligente di ripagare l’arte. Complimenti a chi l’ha pensata. Bravi al presidente della pro loco Maurizio Orsini e all’assessore Vanni Ruggeri. Stasera, dopo la cena con pesce di lago (chiami il 3474223568 chi vuole aderire), la cantante scozzese Emma Morton trascinerà il pubblico in un mondo di seducenti contaminazioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Come ti frego il pacco lasciato dal corriere… se non sei svelto a ritirarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento