menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Filippo Timi nei panni della casalinga americana disperata è veramente una favola... e non rinuncia al perugino

È arrivato nelle sale, il 25, 26 e 27 giugno, “Favola”, film di Sebastiano Mauri con protagonista Filippo Timi. Chi non ha potuto vederlo a teatro (lo spettacolo è passato a Terni, ma non nel capoluogo di regione

È arrivato nelle sale, il 25, 26 e 27 giugno, “Favola”, film di Sebastiano Mauri con protagonista Filippo Timi. Chi non ha potuto vederlo a teatro (lo spettacolo è passato a Terni, ma non nel capoluogo di regione) si è presentato alla casa dello Zenith o all’Uci per pagarsi il biglietto e goderselo (allo Zenith è stato addirittura prorogato). Ed erano in molti, veramente tanti, data la stagione poco favorevole al cinema.

Il film – prodotto da Palomar e Rai Cinema e distribuito da Nexo Digital – aveva aperto il Festival MIX Milano di Cinema Gaylesbico e Queer Culture.Il lavoro, scritto dal nostro autore-attore e regista ponteggiano, è ambientato negli  Usa anni Cinquanta e racconta la storia di una casalinga inquieta, Mrs Fairytale, impersonata dallo stesso Timi, perfettamente adattato al ruolo femminile, anche se poco credibile per voce e andatura. Ma la recitazione è complice e strizza l’occhio allo spettatore che si diverte, senza dileggio per il gender.

La donna vive nel suo piccolo appartamento-bomboniera, con un cane di pelouche che (mentendo a se stessa) si ostina a ritenere vivo, aspettando il ritorno del marito ubriacone e violento.  E non disdegnando qualche passioncella, non consumata, per l’idraulico. L’unica sua àncora di salvezza è l’amica Mrs Emerald, interpretata da una clamorosa Lucia Mascino, con cui si confida, in parte mentendo su una condizione di vita angosciosa e frustrante, presentata come apparentemente felice.

La vita monotona, e formalmente perfetta,  subisce una svolta quando la protagonista scopre che nel proprio corpo è avvenuta una mutazione scioccante, per esserle cresciuto l’attributo maschile. Il che la proietta verso titubanti, ma inebrianti esperienze, condivise con l’amica che ci sta. Mentre il marito rimane basito e se la dà a gambe.

Da questo nuovo rapporto discende la nascita di un figlio e l’aprirsi di nuove prospettive. Ma, bandendo una banale “normalità”, le due donne vivranno more uxorio e costituiranno una famiglia “monocolore”. Entrambe in abiti femminili, col conforto di Piera degli Esposti in veste di Mather.

È evidente il riferimento all’attualità di certe situazioni che bypassano l’ordinarietà, accettata e condivisa.Timi non rinuncia a qualche pennellata di peruginità, come l’uso del termine “cocchina” o “passerina”, più altre varianti ponteggiane del membro maschile.Peccato non aver visto lo spettacolo. Ma il film, in qualche modo, risarcisce la mancanza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento