menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A San Barnaba una stagione musicale di assoluta eccellenza con interpreti internazionali

Un San Costanzo musicale di altissimo livello, quello che è stato offerto nel giorno del santo patrono della diocesi. Ecco il prossimo appuntamento

Un San Costanzo musicale di altissimo livello, quello che è stato offerto nel giorno del santo patrono della diocesi.  Al teatro di San Barnaba, prosegue una stagione musicale di assoluta eccellenza, con interpreti di rango internazionale che si esibiscono senza cachet.

Sempre più numeroso il pubblico che accede alla splendida struttura, costruita da monsignor Nello Palloni, pittore dottoriano d’eccellenza e persona sensibilissima ai valori della cultura.In quel teatro da lui voluto come momento di aggregazione, si alterna il meglio della musica internazionale.

È il noto violinista Paolo Castellani a reggere il timone della barca che fila sul pentagramma. Lui ha voluto e organizzato il concerto “Il volo. Musiche intorno al mondo”. In cabina di pilotaggio il Duo Testa-Crosta, avellinesi di origine, ma cittadini del mondo. Nadia Testa (pianoforte) e Alessandro Crosta (flauto) hanno convenuto di celebrare a Perugia la festa per il diciottesimo compleanno di attività congiunta, avendo percorso il mondo attraverso oltre sessanta Paesi: dall’Ungheria al Giappone, da Israele all’Argentina.

“È l’Argentina il nostro Paese d’elezione, insieme alla città di New York, dove ci segue una consistente comunità italiana di seconda e terza generazione. Ma anche in Brasile siamo stati in 18 occasioni, scandite negli anni”, riferisce il simpatico Alessandro.

In questo variegato itinerario sono entrati in confidenza con culture e declinazioni musicali di taglio diverso: una specie di melting pot antropologico-musical-etnografico di singolare efficacia. Così il pubblico ha potuto ascoltare musica popolare ungherese e israeliana, arditamente coniugata col tango argentino e la cadenze jazz del Nuovo mondo. La diegesi ha visto alternarsi una varietà di flauti accompagnati dal pianoforte. E una narrazione di aneddoti e spigolature: tante “cartoline” senza francobollo.

All’auditorium di San Barnaba ci sono occasioni che il pubblico perugino non deve lasciarsi sfuggire. Come la prossima (il 4 marzo alle 21) quando si esibirà la “voce di Assisi”, fra’ Alessandro Brustenghi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento