menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alla Sala dei Notari il concerto d'arrivederci alle festività: successo per la prestigiosa Filarmonica di Solomeo

Ultimo concerto per le festività 2018 in Sala dei Notari: chiude le danze la Filarmonica di Solomeo. Da adesso, game over per ance e ottoni

Last but not least. Ultimo concerto per le festività 2018 in Sala dei Notari: chiude le danze la Filarmonica di Solomeo. Da adesso, game over per ance e ottoni.  Una banda prestigiosa, le cui radici affondano nell’anno del Signore  1925, diretta da Maestri come Vincenti, Orazi, Castellani, Picciafuoco, Basiglio e, l’attuale, Francesco Verzieri. Per la vigile presidenza del dinamico Stefano Gabrielli.

Un cursus  honorum che passa per la trasferta ad Augsburg a “Umbri nel Mondo” e per spettacoli teatrali al Morlacchi e al Cucinelli. E che di Cucinelli porta l’inconfondibile eleganza della divisa. Otto i brani eseguiti dalla Filarmonica: “Trumpet Voluntary” di Jeremiah Clarke nell'arrangiamento di Antonella Bona e nell’esecuzione del formidabile Mauro Basiglio, allievo del grande Pietro Franceschini.

Poi colonne sonore di fantascienza (“Avatar Soundtrack Highlights” di James Horner), fino a “Meditazione” di Lorenzo Pusceddu, eseguita dai flauti solisti  Benedetta Pannacci e Marta Andreoli, giovanissime e mature. Molto divertente il  brano “The typewriter” con inusuale performance del solista Sergio Calzoni alla macchina da scrivere e al campanellino dell’“a capo”. Un concerto sofisticato, a riprova di come l’espressione “di classe” possa a buon diritto applicarsi anche alla musica bandistica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento