menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Visti per Voi: "Nudi e crudi" al Morlacchi, per l'ultimo dell'anno un brindisi con la compagnia

Sabato 31 dicembre, con inizio alle 21:30, recita straordinaria che si concluderà con il brindisi di mezzanotte per gli auguri del nuovo anno. Spettatori e compagnia, accomunati dalla passione per il teatro

“Nudi e crudi” è il romanzo di Alan Bennet dal quale è stato tratto l’adattamento (a cura di Edoardo Erba, in esclusiva) dell’omonima pièce teatrale, in scena al Morlacchi fino all’ultimo dell’anno.

Tornare dall’aver visto “La serva padrona” e ritrovarsi la casa completamente svaligiata è senza dubbio un evento sinistro. Ancora più scioccante, se si verifica la sparizione della moquette, della carta igienica, e perfino del forno con l’arrosto dentro. Le vittime sono un impalato avvocato londinese, agiato e pedante, e la sua consorte.

Questo il punto di partenza che dà l’innesco a una serie di strabilianti scoperte. Dalle quali emerge la duttilità della donna, che trova del buono in ogni circostanza, e l’inadeguatezza del marito, troppo assuefatto a una vita stancamente routinaria. In questo contesto si muovono le due figure, interpretate da Paolo Calabresi e Maria Amelia Monti. Entrambi calati nel ruolo, come lo spettatore si attende. Bravi, non c’è che dire. Ma con ruoli decisamente virati al macchiettistico, in chiave palesemente paradossale.

Questo era, di certo, l’intento della regista Serena Sinigaglia la quale dichiara di aver giocato a spiazzare i personaggi (e forse il pubblico stesso), parlando di “impulsi libertari che… non sappiamo gestire e dunque reprimiamo”. Ma le situazioni possono metterci alla prova facendoci sperimentare – aggiunge – come “la vita è tutto un cambiamento, nel movimento imprevisto, in quella vertigine che ti dà il vuoto”.

Il tris d’interpreti è completato da un infinitamente bravo Nicola Sorrenti, capace di calarsi in una molteplicità di ruoli che rendono conto di una rara duttilità: dal narratore, al poliziotto, dal maschio alla femmina. Un teatro molto televisivo, quello che il pubblico mostra convintamente di gradire con risate di caldo apprezzamento.

Sabato 31 dicembre, con inizio alle 21:30, recita straordinaria che si concluderà con il brindisi di mezzanotte per gli auguri del nuovo anno. Spettatori e compagnia, accomunati dalla passione per il teatro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento