Eventi

Ripartono in sicurezza i wine tour Lungarotti tra enogastronomia, territorio e cultura

Tornano visitabili anche i musei gestiti dalla Fondazione Lungarotti ONLUS: il Museo del Vino di Torgiano e il Museo dell’Olivo e dell’Olio

Ripartenza e bella stagione sono le due parole chiave per riaprire anche le esperienze enoturistiche nelle Tenute Lungarotti di Torgiano e Montefalco. Dai wine tour per scoprire come nascono i vini Lungarotti, ai pic nic tra i vigneti con cestino ricco di prelibatezze tipiche umbre, dal trekking alle passeggiate a cavallo fino ai soggiorni in agriturismo immersi nella natura. Tante possibilità da vivere in coppia, con gli amici o in famiglia, all’aria aperta e in tutta sicurezza, godendo della bellezza e della bontà dei migliori tesori della nostra regione.

Oltre ad essere territori vocati all’eccellenza enologica, Torgiano e Montefalco sono anche due splendidi borghi, meta ideale per vacanze no-stress nella verde Umbria.  Oltre ai wine tour proposti dalla storica cantina di Torgiano, c'è inoltre la possibilità di visitare i musei gestiti dalla Fondazione Lungarotti ONLUS: il Museo del Vino di Torgiano (MUVIT), definito dal New York Times come “il migliore in Italia”, e il Museo dell’Olivo e dell’Olio (MOO) che racconta gli usi e le valenze simboliche attribuite all’oro verde nei secoli. Da sempre meta di enoturisti, appassionati d’arte, studenti e famiglie, i due musei offrono un viaggio affascinante nella storia del vino e dell’olio con percorsi e laboratori creativi dedicati ai bambini.

“La valorizzazione di un territorio non passa solo dalla viticoltura di qualità – afferma Chiara Lungarotti, amministratore delegato dell’azienda di famiglia - ma anche dalla capacità di costruire intorno al vino un circuito virtuoso fondato su ospitalità d’eccezione, esperienze autentiche a contatto con la natura tutela e valorizzazione del patrimonio storico e culturale locale. Del resto, l’enoturismo è fondamentale per fare innamorare il visitatore della nostra realtà e dell’Umbria in generale. Perché l’ospite che vive un’esperienza stimolante, rilassante e ricca di contenuti diventerà il migliore ambasciatore dei nostri prodotti e della nostra splendida terra”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ripartono in sicurezza i wine tour Lungarotti tra enogastronomia, territorio e cultura

PerugiaToday è in caricamento