rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Eventi

"Pulito sarei così", svelata l'identità del pulitore: l'operazione di guerrilla marketing

“Pulito, sarei così”: questa è la curiosa scritta che è comparsa nei punti nevralgici di maggiore affluenza pedonale della città di Perugia.

“Scritta” in realtà è un termine errato, perchè le parole in questione non sono scritte, ma “pulite”. È la campagna di guerrilla marketing utilizzata da Fralic, azienda umbra leader per la pulizia di interni e esterni, che vuole stimolare la popolazione perugina a rendersi conto di quanto lo sporco abbia viziato la vista facendo perdere il concetto di pulito. Le “scritte” sono state eseguite semplicemente pulendo e portando al colore originale, con la tecnica stencil, alcune aree urbane in vicinanza del Minimetró e nel centro storico con un metodo 100 % ecologico ad impatto zero, modulando pressione e temperatura dell'acqua. 

Il pulitore mascherato che tira a lucido la città: "Pulito sarei così"

La ditta Fralic, lo scorso anno, ha regalato alla città di Perugia la pulizia delle scalette del Duomo. Di recente, ha eseguito i lavori di pulizia della scalinata della chiesa di Santa Maria Nuova in via Pinturicchio, commissionata da un anonimo e generoso residente di corso Bersaglieri.

Adesso non resta che chiedere a GoogleMap di modificare l’immagine della chiesa di Santa Maria Nuova, visto che, come commentato da alcuni residenti, la pulizia delle scalette della Chiesa ha “acceso la luce” in via Pinturicchio

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Pulito sarei così", svelata l'identità del pulitore: l'operazione di guerrilla marketing

PerugiaToday è in caricamento