Presentazione, con dimostrazione scenica, dell’ultimo libro di Enzo Cordasco, “Il mio teatro civile”

Coinvolti artisti e intellettuali che seguono il percorso di questo straordinario autore

Il grecista Donato Loscalzo, il neodirettore ABA Emidio De Albentiis e l'attrice albertazziana Floriana La Rocca

Presentazione, con dimostrazione scenica, dell’ultimo libro di Enzo Cordasco, “Il mio teatro civile”. Coinvolti artisti e intellettuali che seguono il percorso di questo straordinario autore. Sue le iniziative su Marguerite Yourcenar, sua la rassegna sulla storia della danza declinata al femminile: entrambe nella sede di San Matteo degli Armeni.

Non a caso, la prima a portare il saluto è Adele Bevilacqua, esperta del mondo coreutico. La comunicazione interessante è che il prossimo ciclo di incontri verterà su stelle della danza maschili. Angela Pellicciari propone una lettura sulla danza, dopo una singolare performance attoriale di Floriana La Rocca, cantante, musicista e ormai accreditata come musa ispiratrice e complice degli attraversamenti culturali di Cordasco.

Al grecista Donato Loscalzo il compito di presentare il volume. Una relazione competente e interessante, che fa il punto sul concetto di teatro civile, ripescandone le radici nel mondo greco. Si tratta – dice Loscalzo – di teatro povero, di potente denuncia, di impegno sociale, di conflitto. Teatro come rito e rievocazione di un fatto (e non suoni blasfemo il paragone con la liturgia eucaristica). Poi il ruolo della donna che nella società era dimesso, mentre trionfa nel teatro, portato a dare voce al marginale, agli “invisibili”, esprimendo soprattutto conflitti familiari.

Da qui a Medea il passo è breve, considerando la riscrittura originale di Cordasco e le tante Medee che confluiscono in un unico personaggio. Pertinente e puntualissimo il riferimento alla Medea di Corrado Alvaro, assimilata a un emigrante della terra calabra nel profondo Nord. E la citazione di un Pasolini “copiatore” nella realizzazione della sua strepitosa Medea con Maria Callas.

Poi altri stupendi saggi attoriali (Claudio Massimo Paternò con Giulia Zeetti e Silvia Bevilacqua). Parterre de roi con la presenza, fra gli altri, del neo direttore dell’Accademia di Belle Arti, Emidio De Albentiis, che ha espresso vivo compiacimento per la qualità dell’evento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 17 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 19 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 18 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 novembre: tutti i dati comune per comune

  • In forma dopo i 40/50 anni, ecco la dieta giusta

Torna su
PerugiaToday è in caricamento