menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Premio di poesia in lingua perugina intestato alla memoria di Silvestri; che successo!

Premio di poesia in lingua perugina intestato alla memoria di Tosello Silvestri: un successo superiore ad ogni aspettativa. La pro loco fratticiolese di Giacomo Passeri e l’Accademia del Dónca esprimono piena soddisfazione, condivisa dai familiari dell’indimenticabile Tosello: la vedova Luciana e i figli  Francesca e Stefano.

Al concorso ha aderito il più e il meglio degli autori in dialetto perugino. Strapiena la piazza Giuseppe Verdi, dove si sono incontrati gli autori, la giuria e un gran numero di perugini. Uniti – ha ricordato Sandro Allegrini – dal ricordo dei grandi “numi tutelari”, scomparsi ma spiritualmente presenti, dell’Accademia del Dónca: il poeta Claudio Spinelli, il dialettologo Giovanni Moretti, i drammaturghi Franco Bicini e Artemio Giovagnoni, l’epigrammista Lodovico Scaramucci.

Tra i concorrenti, anche gli attori Fausta Bennati e Gian Franco Zampetti, affiancati, come lettore, da Leandro Corbucci, terzo componente del mitico Trio del Dónca. La giuria era composta dal rettore dello Studium Franco Moriconi, dal dirigente scolastico Mario Vermigli, da Sandro Allegrini e Walter Pilini, cofondatori del Dónca, dalla pittrice e poetessa Serena Cavallini, da Giacomo Passeri e Stefano Silvestri.

Letture in piazza e premiazione sul palco centrale alle 21:30. Il primo premio è stato assegnato alla poesia “P’arcordà n amico” di Pierpaolo Vicarelli. Il secondo all’avvocato scrittore Giampiero Mirabassi e alla sua “Tramonto”. La palma al poeta del Borgo d’Oro Gian Paolo Migliarini per la poesia “Sassi ntle scarpe”. Esito di altissimo livello e sicura premessa per l’edizione 2018 del premio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento