menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Carolina Raspanti, alias “Dafne”, da Fazio al Post Mod di Perugia

Quando la disabilità diventa una risorsa, coinvolge e commuove

Carolina Raspanti, alias “Dafne”, da Fazio al Post Mod. Quando la disabilità diventa una risorsa. E quando “Dafne”, un film a basso costo, riesce a trionfare al Premio Fipresci, nella sezione “Panorama” dell’ultima Berlinale. La giovane attrice down Carolina esordisce disinvolta dichiarando “Qui mi trovo bene”. E il regista Federico Bondi dichiara: “Questo film nasce da una visione: un padre e una figlia down che si tengono per mano. Mi sono domandato come fosse la loro vita”. È così che, conosciuta Carolina, le scrive su misura una storia, come un abito sartoriale. E chiama, nel ruolo del padre, un attore del calibro di Antonio Piovanelli, accreditato da mezzo secolo di teatro.

La giovane attrice è in sala coi genitori che sorridono compiaciuti. Ma sono parecchi anche i genitori-spettatori con un figlio colpito dalla sindrome. Questo film apre i cuori alla speranza di un riscatto anche per i loro figli.

Carolina racconta di lavorare all’Ipercoop di Lugo di Romagna e di aver pubblicato due romanzi di taglio autobiografico. Quanto all’avventura cinematografica, dichiara: “Quando il regista mi ha contattato, ho immediatamente accettato, perché è una di quelle occasioni assolutamente imperdibili. Càpitano una sola volta nella vita e vanno prese al volo”. Ma come hanno lavorato per realizzare questo film, piccolo eppure straordinario? Racconta Bondi: “Ci abbiamo messo un po’ di scrittura e un po’ di improvvisazione, lasciandoci tentare dalla freschezza di Carolina. Insomma: un efficace mix di realtà e finzione”.

La proiezione al Post Mod è andata benissimo: l’evento ha attirato molti spettatori, più di quanti se ne vedano ordinariamente in una stagione un po’ moscia, almeno da quando è tornato il bel tempo. Sarà colpa della crisi? Certo è che i ragazzi del Post Mod sanno sempre creare occasioni stimolanti, sotto il profilo mediatico e cinematografico. Perugia dovrebbe essergliene grata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Come ti frego il pacco lasciato dal corriere… se non sei svelto a ritirarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento