Domenica, 14 Luglio 2024
Eventi Gualdo Tadino

Perugia1416, domenica è il giorno del Gran Corteo storico: poi l'avvincente sfida Corsa con il Drappo

La rievocazione storica è in programma nell’acropoli perugina fino al 16 giugno


La seconda giornata del Palio di Perugia continua con successo e in attesa di una delle gare più importante ai fini della vittoria finale: la mossa della Torre. Ma domani è  il giorno più importante per la Sfida con le ultime due gare: il miglior corteo storico e la Corsa del Drappo. 

La sfilata comincerà alle ore 17 con la partenza del Corteo della Reggenza dalla sede di Perugia1416 (situata in via Oberdan 50) seguito da quello di Braccio Fortebracci che, da piazza Italia, prenderà il via percorrendo tutto Corso Vannucci per ricongiungersi all’altro in piazza Grande (piazza IV Novembre). Qui avverrà l’incontro tra i due cortei e il primo Priore nero, appartenente al Nobile Collegio della Mercanzia, accoglierà Braccio quale nuovo signore della Città consegnandogli, sotto il Grifo, simbolo di Perugia, le chiavi della città. Subito dopo i cinque Rioni, interpretando il tema univoco 2024 che è il “viaggio”, sfileranno nell’ordine della classifica della precedente edizione (prima Porta Eburnea con a seguire Porta Sant’Angelo, Porta San Pietro, Porta Sole e Porta Santa Susanna), partendo da piazza della Repubblica, lungo Corso Vannucci per arrivare in piazza IV Novembre. I 5 Rioni saranno giudicati dalla Giuria per l’attinenza storica, l’interpretazione e la scenografia. Il Gran Corteo proseguirà con la sfilata, nell’ordine, delle delegazioni ospiti: Montone (Donazione della Santa Spina), Todi (La Disfida di S. Fortunato - Arcus Tuder), Torgiano (Compagnia dei Tavernieri e Vignaioli della Comunità di Torgiano), Camerino (Corsa alla Spada e Palio), Senigallia (Il Solenne Ingresso), Visso (Torneo delle Guaite), L’Aquila (Compagnia Rosso d’Aquila). La sfilata sarà anticipata alle ore 16 con l’esibizione degli sbandieratori di Gubbio in piazza IV Novembre.

 
Subito dopo il Gran Corteo prenderà il via la Corsa del Drappo, terza ed ultima gara sportiva. Gli atleti correranno nell’anello compreso tra piazza IV Novembre, Corso Vannucci, piazza della Repubblica e ritorno. La Corsa del Drappo, vinta lo scorso anno da Porta Sant'Angelo, è una staffetta di velocità e resistenza che prevede quattro cambi per squadra, uno per giro, per un totale di cinque giri. Durante il Corteo e la Corsa, che seguirà, non è consentito al pubblico l’attraversamento. In caso di necessità cortesemente attraversare all’inizio del Corso in Piazza Italia.

 Durante la gara, i giurati del Corteo consegneranno le loro valutazioni che, sommandosi ai punteggi delle gare sportive, decreteranno il nome dei Rione vincitore del Palio 2024 che sarà premiato (alle ore 19 circa) daccapo alla scalinata di palazzo dei Priori. Come sempre, il Capitano del Popolo, che ha precedentemente sfilato il collare della vittoria dal collo del Capitano del Rione vincitore della scorsa edizione (Porta Eburnea), lo consegna a Braccio che lo mette al Capitano del Rione vincitore del Palio 2024  (l’opera di Maria Serena Colombo, vincitrice del concorso "Un palio d’artista", riservato agli studenti dell'Accademia di Belle Arti "Pietro Vannucci" di Perugia). La rievocazione si concluderà con una festa generale nelle taverne dei Rioni e nei ristoranti del centro storico.

 LE ALTRE INIZIATIVE - Anche nel corso dell’ultima giornata sarà possibile, dalle ore 10 in poi, assistere, visitare o partecipare a diverse iniziative. In via Maestà delle Volte c’è la “Contrada dei mestieri distretto artigiano medievale”, banchi di antichi mestieri con dimostrazioni dal vivo, tra cui battitura della moneta del tempo: il Grosso perugino. Presso il Centro Espositivo “Galeazzo Alessi”, in via Mazzini, c’è il mercato librario "Pagine Di Medioevo", organizzato a cura della Libreria Grande di Perugia, dove è in programma anche la presentazione della Guida di Repubblica alle Rievocazioni Storiche Umbre “Umbria in Piazza”, alla presenza del direttore delle Guida di Repubblica Giuseppe Cerasa, della presidente dell’associazione Perugia1416 Teresa Severini e di due noti chef umbri, citati appunto nella guida: Marco Lagrimino (Ristorante L’Acciuga) e Ada Stifani (Ristorante Ada Gourmet).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perugia1416, domenica è il giorno del Gran Corteo storico: poi l'avvincente sfida Corsa con il Drappo
PerugiaToday è in caricamento