menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Perugia, c'è “Vicolo Di…Vino”: in via della Viola una serata tra buon cibo e musica popolare

In occasione della festa del vino nuovo le associazioni Fiorivano le Viole e ArtMusique hanno organizzato un saggio di musica diffusa che ha coinvolto quattro locali della via, l’osteria Il Gufo, i ristoranti La Fame e Civico 25, e la pizzeria Pizza e Musica

Novembre, tempo di atmosfere e sapori autunnali, di bilanci dopo i fatidici mesi di raccolto nelle campagne. L’estate di San Martino sta regalando giornate con un tepore che invita ancora ad uscire di casa e a passare una serata in allegria. Ecco come è nata la manifestazione “Vicolo Di…Vino”, svoltasi in via della Viola nella serata dell’11 novembre.

In occasione della festa del vino nuovo le associazioni Fiorivano le Viole e ArtMusique hanno organizzato un saggio di musica diffusa che ha coinvolto quattro locali della via, l’osteria Il Gufo, i ristoranti La Fame e Civico 25, e la pizzeria Pizza e Musica, che sono diventati teatro di esibizioni di musica popolare ed antica.

In ognuna di queste attività i maestri della scuola ArtMusique hanno accompagnato la cena di tutti coloro che hanno scelto di unire al piacere del palato quello dell’udito. Una giusta combinazione di suoni noti anche ai profani in materia di musica antica, grazie alla chitarra classica di Federico Pedini e ai violini di Albe Giannini e Gioele Sindona, e di strumenti legati alla tradizione popolare di vari Paesi come l’organetto di Stefano Delvecchio, la zampogna e il flauto irlandese di Goffredo Degli Esposti, e l’arpa celtica di Katerina Ghannudi. E tra un menù speciale pensato appositamente per la serata e un bicchiere di vino nuovo, c’è stata la possibilità per i più curiosi di interloquire con gli artisti presenti per cercare di carpire qualche segreto di queste musiche insegnate all’interno della stessa associazione culturale con sede a Perugia, in via Don Bosco.

La zona che gravita intorno a via della Viola si conferma dunque laboratorio per l’intera città, un luogo che negli ultimi anni ha saputo rialzarsi e ripartire grazie al fondamentale contributo di Fiorivano le Viole e di tutte le attività commerciali che, nonostante la crisi, hanno scelto di resistere e ridare dignità al quartiere, con la speranza che ciò possa essere di buon esempio anche per il resto di Perugia. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento