Palazzo della Penna, Stefano Ragni spiega e fa amare la Bohème di Puccini

La lezione di ieri è stata un prototipo di affabulazione intorno alla genesi e al linguaggio di un capolavoro

Stefano Ragni, al Salone Apollo in Palazzo della Penna, spiega – e fa amare – la Bohème di Puccini. Perché l’opera lirica è un giacimento culturale che va esplorato sotto la guida di un Maestro. E Stefano è uno dei pochi da ascrivere alla categoria di quelli che meritano la lettera maiuscola.

La lezione di ieri è stata un prototipo di affabulazione intorno alla genesi e al linguaggio di un capolavoro. E Puccini è stato uno dei più grandi poeti della drammaturgia musicale, padrone di strumenti e saperi modernissimi, spesso celati sotto il velame della tradizione.

“Un capolavoro – spiega Ragni declinandone il ventaglio cronologico – che va da Natale a Natale”.

E il grande pedagogo, intriso di cultura umanistica e laicissimo spirito umanitario, invita l’uditorio a immaginare come sarà stata la notte di Natale, a Perugia, per i numerosi studenti fuori sede. Giovani che, nella misura del 60%, non appartengono a una cultura cattolica, ma che si scambiano sapori e saperi in un pub di via Pinturicchio, vero crocevia di culture. Come la Stranieri, dove giungono ad apprendere il nostro sapere, a tasche vuote e spirito libero. Né più né meno dei giovani bohémiens di quell’opera immortale.

Se la prende – Ragni – con Adorno e con la sua supponenza che gli fecero relegare in un angolo la “sciacquatura di piatti” della musica pucciniana. E questo per molti anni finché, solo e per primo, il sociologo Franco Ferrarotti si fece carico dell’ardore e dell’ardire di contraddire la Scuola di Francoforte, nei suoi fondatori come nei suoi epigoni. E fu un’operazione culturale e politica da applaudire a scena aperta.

Partendo dal romanzo "Scènes de la vie de bohème" di Henri Murger, alla rielaborazione di Giacosa e Illica, fino alla scrittura musicale di Puccini, Ragni ci apre il cervello, gli occhi e il cuore alla comprensione piena del capolavoro pucciniano. Non senza la solita verve, gli spunti ironici e autoironici, punteggiati di riferimento all’attualità, in modo rigoroso e mai banale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una lezione magistrale, letteralmente bevuta dal pubblico in sala. È innegabile: Stefano Ragni, uomo di vasta e generosa cultura, è una risorsa che si mette sempre a disposizione della città. Toccherebbe fargli un monumento. In vita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il buono postale regalato dalla nonna è scaduto e non pagabile, la nipote vince la causa

  • Linea Verde Life fa tappa a Perugia ed elogia l’Antica Latteria di via Baglioni (le immagini)

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Occhio allo smishing, la nuova truffa svuota conto corrente: basta rispondere ad un sms

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 19 settembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento