menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Creatività al femminile, la Fidapa si ritrova a Palazzo Della Corgna

La presidente Laura Barese e la coordinatrice della Commissione cultura Teresa Perrone hanno scelto la location perfetta per esaltare i valori della cultura. La commissione era composta dalle socie Arcelli, Asfalti, Briglia, Fragapane, Giubilei, Spadoni

La Fidapa si ritrova a Palazzo Della Corgna per iniziative legate alla cultura e alla letteratura del/sul territorio. Tutto legato alla creatività declinata al femminile. La presidente Laura Barese e la coordinatrice della Commissione cultura Teresa Perrone hanno scelto la location perfetta per esaltare i valori della cultura. La commissione era composta dalle socie Arcelli, Asfalti, Briglia, Fragapane, Giubilei, Spadoni.

Nel pomeriggio di domenica, la Fidapa di Perugia ha presentato l'evento “Il lago Trasimeno tra passato e presente: luogo del cuore e  atmosfera di creatività femminile”. Il fascino esercitato dal Lago di Perugia (come si chiamava in antico) è stato raccontato e documentato da due valide scrittrici: Elisabetta Bricca, con il romanzo “Il rifugio delle ginestre”, e Viviana Picchiarelli con “La locanda degli amori sospesi”.

Le scrittrici  si sono reciprocamente intervistate raccontando la genesi delle loro storie e il rapporto privilegiato con il lago, col territorio umbro e con le proprie radici. Il tutto contestualizzato nella cornice del gruppo letterario Women@Work, capitanato dalla fondatrice Costanza Bondi. Oltre alle scrittrici della contemporaneità, si è ragionato intorno a tre figure di autrici, poetesse e romanziere ottocentesche. A far capo da Assunta Pieralli, passando per Maria Alinda Bonacci Brunamonti, fino alla poetessa del Lago per eccellenza: Vittoria Aganoor Pompilj.

Quest’ultima visse nella proprietà di Monte del Lago, curando gli interessi del marito, il senatore Guido, impegnato in attività governative. Intrattenne rapporti di amicizia e affetto con le famiglie contadine delle sue tenute, vergò pagine di poesia memorabile dedicate alla “beata solitudo” del suo Lago.

Il tutto ha ruotato intorno ai punti focali della  conversazione: il Trasimeno e la  creatività femminile, declinata attraverso il tempo e le storie.

Gli interventi di raccordo sono stati a cura di Teresa Perrone.

Nel pomeriggio  si è esibito un giovane e talentuoso pianista, che ha proposto musiche classiche intervallate dalle letture di brani di prosa e poesia delle autrici di oggi e di ieri. Ha letto brani l’attore Marco Caprai.

A conclusione dell’evento, la travolgente esibizione del gruppo folcloristico “Agilla e Trasimeno”, da sempre impegnata nella gelosa custodia di canti e balli folcloristici locali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Come ti frego il pacco lasciato dal corriere… se non sei svelto a ritirarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento