menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Perugia non dimentica il suo luminare: sala dell'ospedale intitolata a Ugo Mercati

Il Rettore dell’Università di Perugia, Franco Moriconi si è soffermato sulle qualità umane  e  sui sentimenti  di stima che lo legava al professor Mercati: “Eravamo amici nel profondo, con le  stesse  passioni e praticate nel tempo libero, la  caccia  e l’amore per i cani. Se all’epoca fossi stato io  Rettore dell’Università – ha aggiunto Moriconi-  non ci avrei pensato due volte a fare in modo  che il professor Mercati facesse parte del nostro l’Ateneo”. 

Testimonianze ricche di spunti per le future generazioni sono venute  anche dal  rappresentante dell’Ordine dei Medici della Provincia di Perugia, Tiziano Scarponi e dall’Ingegner Massimo Mazi.

Dopo  la proiezione di un filmato che ha scandito con immagini appropriate le tappe salienti della carriera del professionista e della sua equipe, della quale ha fatto parte anche il Dott. Vittorio Trancanelli, la cui causa di beatificazione si è da poco conclusa, l’assessore alla Sanità, Luca Barberini e la Presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini  si sono soffermate sulle qualità del professionista e dell’uomo: “ Ho  sempre pensato che la vera forza di un ente, di un’istituzione, di un’Azienda sanitaria, consiste nel trasmettere le competenze del singolo alla comunità. Un leader deve fare questo, deve saperlo fare, e al professor Mercati tutto cioè è riuscito bene.  non  ha tenuto tenere nascosto il proprio sapere, anzi lo ha comunicato e trasmesso , ed è per questo che  possiamo additarlo come esempio”. E ancora: “Che il professor  Mercati sia stato un protagonista dell’arte chirurgica non è  stato  mai messo in discussione da nessuno – ha scandito la presidente Marini-. Le sue competenze  a  le sue aspettative sono state accolte e capite dalla istituzioni con cui sì è confrontato. Ci troviamo davanti ad un  pioniere  dell’assistenza che ha saputo anticipare i tempi non soltanto in sala operatorio, ma nel comprendere che il futuro dell’Ospedale sarebbe stato appunto quello dove oggi  lo ricordiamo con commozione e rispetto”.

Alla cerimonia hanno presenziato la vedova Serena Longetti e i figli Livia e Luca Mercati. Proprio la Professoressa Mercati, prima della scopertura della targa e di un busto realizzato dallo scultore Leonello Proietti, ha voluto ringraziare istituzioni, collaboratori del padre e personale sanitario. “Il dolore mio  e della  mia famiglia è alleviato dalle tante testimonianze d’affetto che riceviamo e  dal  pensiero che da oggi, in quella che lui considerava la sua seconda casa ,sarà  ricordato come un protagonista di una attività assistenziale rivolta ai bisogni  della comunità cittadina e regionale”. Lo storico segretario Aurelio Dozzini ha in chiusura donato all’ospedale di Perugia tutto l’archivio digitale degli interventi chirurgici più complessi eseguiti dalla equipe del professor Mercati, da lui stesso  realizzato per scopi di didattica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento