Dai giochi antichi a quelli nuovi: come è cambiato il modo di divertirsi nel tempo

Questo mercoleddì, alle ore 17.00 è in programma al Museo archeologico nazionale dell’Umbria l’inaugurazione della mostra Giochi da museo. Giocattoli antichi e moderni. L’esposizione propone una selezione di oggetti antichi frammisti ad altri di epoca moderna, attinenti alle attività ludiche. Si tratta, appunto di giocattoli, ovvero utensili pensati per il divertimento dei bambini. Tra questi figurano anche articoli più specificamente riferibili ad un pubblico adulto poiché spesso legati al gioco d’azzardo, più volte proibito in epoca romana. E’infatti credibile come questo costituisse una minaccia all’ordine pubblico in virtù delle inevitabili liti, dovute alle sorti del gioco. Tale contesto, specie se in presenza di una posta, attirava non di rado i bari, come documentato dalla coppia di dadi truccati, presenti in mostra.

Oltre quelli del Museo archeologico nazionale dell’Umbria, una serie di reperti riferibili al gioco in generale provengono dalla collezione Sambon di Milano, dal Museo del Vino di Torgiano, dai musei civici di Reggio Emilia. Questi in particolare hanno fornito lo straordinario corredo funerario composto da suppellettili in miniatura, una vera e propria casa di bambola, appartenuta ad una fanciulla, Iulia Graphis, morta in giovane età. Bambole snodabili in osso, dadi, pedine, animaletti, rappresentazioni di attività ludiche nei vasi dipinti s’incaricano pertanto di raccontare un aspetto innato dell’attività umana presente da sempre in ogni cultura e latitudine.

Di particolare rilievo è inoltre la piccola e rarissima trottola di epoca etrusca, in ceramica, dotata all’interno di piccoli sassi, tali da generare suoni durante la rotazione. L’esposizione si avvale inoltre di inserimenti di epoca moderna, forniti dal Museo del giocattolo di Perugia, a suggerire nessi di continuità con un’attività umana sostanzialmente immutata, almeno fino all’avvento delle realtà virtuali, tipiche dei giochi elettronici. Oltre a costituire uno strumento di valorizzazione e richiamo per il più vasto pubblico, a ridosso delle festività natalizie, la mostra, ospitando anche materiali provenienti dalle zone colpite dal sisma, intende porgere un messaggio di rinascita e speranza. La mostra, che resterà aperta fino al 17 aprile 2017, si è avvalsa del contributo del Polo museale dell’Umbria e della Fondazione Cassa Risparmio Perugia.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • "Un caffè al parco", solidarietà per combattere l'Alzheimer

    • Gratis
    • dal 20 gennaio al 18 giugno 2020
    • Parco della Pescaia

I più visti

  • "Un caffè al parco", solidarietà per combattere l'Alzheimer

    • Gratis
    • dal 20 January al 18 June 2020
    • Parco della Pescaia
  • Taddeo di Bartolo, a Perugia una eccezionale mostra completa sulla produzione dell'artista senese

    • dal 7 March al 7 June 2020
    • Galleria Nazionale dell'Umbria
  • Il Trasimeno Music Fest 2020 annuncia osptiti d'eccezione

    • dal 27 June al 4 July 2020
    • Castello del Sovrano Militare Ordine di Malta a Magione, la Basilica di San Pietro, l'Oratorio di San Francesco dei Nobili e la Galleria Nazionale dell’Umbria a Perugia, il Teatro degli Illuminati a Città di Castello
  • Notte europea dei Ricercatori: il 27 novembre tornerà in scena Sharper

    • Gratis
    • dal 27 November al 28 May 2020
    • Università degli studi di Perugia e Polo di Terni
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    PerugiaToday è in caricamento