menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tra pittura e musica: al foyer del teatro Mengoni le opere di un apprezzato artista perugino

Non per la prima volta: infatti, già nel 2015, Chiacchella portò con successo le tavole del “Dante perugino”, appositamente elaborate per il libro di Ennio Cricco

In mostra, al foyer del teatro Mengoni di Magione, il pittore perugino Stefano Chiacchella. Non per la prima volta: infatti, già nel 2015, Chiacchella portò con successo le tavole del “Dante perugino”, appositamente elaborate per il libro di Ennio Cricco, a cura di Sandro Allegrini.

La serie di dipinti in esposizione appartiene alla più recente produzione del pittore e musicista castiglionese, tranne due tele che fanno capo alla serie musicale di “Perugia sotto traccia”, tra jazz e visioni della Vetusta, suggerite in modo allusivo ed elegante.

È sempre la musica a dominare il mondo di Chiacchella, più recentemente sospeso tra pittura e letteratura, tanto che gli ultimi lavori recano scritti che ne percorrono le campiture di sfondo, in coerenza col contenuto pittorico proposto.

Vivissimo l’interesse dei numerosi frequentatori del teatro il cui foyer è stato vivificato e rilanciato (su intesa con l’amministrazione municipale di Giacomo Chiodini) da parte del concessionario Gianni Ferri, col persuaso consenso del direttore artistico Gian Franco Zampetti.

Il teatro si trova così a rivestire il ruolo di punto di aggregazione culturale e artistica. Tanto che gli spettatori amano soffermarsi in quegli spazi, sapendo di trovarvi momenti di viva interlocuzione e di confronto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Come ti frego il pacco lasciato dal corriere… se non sei svelto a ritirarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento