LETTI PER VOI - Sugli scaffali Valeria Ventura col suo “Le innocenti” , uno dei libri più belli letti in questi ultimi anni e... ambientato a Perugia

Bello per ciò che dice e per come lo dice. Uno stile perspicuo, raffinato, sofisticato e insieme democratico

Sugli scaffali Valeria Ventura col suo “Le innocenti” (Tozzuolo editore, pp. 186, euro 18), uno dei libri più belli letti in questi ultimi anni. Bello per ciò che dice e per come lo dice. Uno stile perspicuo, raffinato, sofisticato e insieme democratico.

Dopo l’esordio con “Stranieri, nove storie a Perugia” (in cui Valeria faceva aggio su storia e storie dipanatesi alla Stranieri, dove è stata docente di lingua e cultura italiana), stavolta la scrittrice si cimenta con un plot che incrocia egregiamente storia e fiction.

Il primo punto di forza dell’opera è proprio l’ambientazione perugina e la perfetta contestualizzazione storica, in termini di date e dati, personaggi reali e di fantasia.

E poi si tratta di un libro declinato tutto al femminile, senza cadere nella trappola del femminismo d’antan.

Sarah, Benedetta e Domitilla, diverse per ceto, formazione, cultura, si riconoscono in uno stesso destino: quello di essere stritolate da un meccanismo a misura di maschio, in cui poco contano la loro personale volontà e i valori di riferimento. Eppure ciascuna, a modo suo, consegue un finale riscatto, frutto di tenacia e consapevolezza.

Il segmento cronologico in cui si dipana la storia è quello intorno al secondo decennio del Cinquecento perugino, con le sue vicende di lotte e di delitti. Delitti non solo macchiati di sangue, ma anche di volontà coartate (una monacazione forzata), di abbandoni (la ragazza messa incinta e rifiutata), di razzismo e pregiudizi (contro la parte ebrea della cittadinanza, sfruttata, ingannata, denigrata e uccisa).

Anche le ambientazioni nelle quali si svolgono gli eventi sono un palazzo nobiliare, il ghetto ebraico, il Lago di Perugia. Ed è la straordinaria precisione nel citare e descrivere i luoghi della Vetusta il valore aggiunto del libro. Confesso che in prima lettura ho divorato questo libro. Ritengo pertanto doveroso consigliarne la lettura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 30 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 29 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 3 dicembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 27 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 2 dicembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa all'1 dicembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento