rotate-mobile
Giovedì, 1 Dicembre 2022
Eventi

Italia e Irlanda si abbracciano nel segno di 'Versi DiVersi', giunto alla 17.ma edizione

Italia e Irlanda si abbracciano nel segno di Versi DiVersi, giunto alla 17.ma edizione. Merito dell’infaticabile direttore artistico Fernando Trilli e dello Strokestown International Poetry Festival d’Irlanda. Uniti in proficua sinergia insieme al Comune di Magione (rappresentato dal sindaco Giacomo Chiodini e dall’Assessore alla Cultura Vanni Ruggeri), all’Università per Stranieri, al liceo scientifico Galilei, all’ITET Aldo Capitini. Nella conferma della strepitosa Torre dei Lambardi in cui si tiene l’evento conclusivo.

L’edizione postpandemica 2022 è stata semplicemente straordinaria. Ha messo sotto i riflettori la poetessa Rita Imperatori (tradotta da Eiléan Nì Chuilleanàin con Cormac Ó Chuilleanàin), il poeta irlandese Thomas MCCarthy (tradotto da Alessandro Gentili), il grandissimo nursino Paolo Ottaviani (tradotto da Eiléan Nì Chuilleanàin con Cormac Ó Chuilleanàin) e Peter Sirr (con traduzione di Rita Castigli). Versi “diversi” e un incontro fatto “di versi” per celebrare una festa di poesia e di cultura. In una dimensione internazionale dialogica e fraterna.

Una riflessione sul vecchio e dibattuto pensiero che vuole il “tradurre” come “tradire” in un gioco al massacro ineludibile. Traghettamento, riscrittura, sforzo interpretativo, occasione di equivoco. Ma anche azzardo, procedimento avventato, estrema provocazione, atto criminale. Forse. Di certo: ultima chance riservata a chi non possieda gli strumenti linguistici per entrare nell’anima che sta oltre la parola. Extrema ratio per non perdere tutto.

Eiléan, già coniuge di Macdare Woods (scomparso nel 2018 e pianto da noi amanti della sua pagina), è poetessa in proprio e traduttrice, fra gli altri, di Antonella Anedda. È riuscita ad entrare nel verbo e nello spirito di uno dei maggiori nostri poeti contemporanei. Quel Paolo Ottaviani, coltissimo ex bibliotecario della Stranieri, inventore di “trecce” e schemi metrici sofisticati, cantore di Binni e Capitini. Ne attendiamo con ansia “La rosa segreta” per i tipi di Manni. I suoi libri segnano una pietra miliare nella poesia italiana contemporanea. 

Amato da Maria Luisa Spaziani, Paolo Ruffilli ed Eugenio De Signoribus, sodale di Ilde Arcelli e co-fondatore del suo Merendacolo, figura appartata e insieme apprezzata dal milieu poetico nazionale. Ammirato il saluto di accoglienza del sindaco Chiodini. Lodato l’intervento dell’addetta d’Ambasciata Irlandese Caitriona De Burca, persona di raffinata cultura che si è espressa in perfetto italiano.                                                                                                                                                                                                                                                             
Mirate e pregevoli le traduzioni della nostra Rita Castigli, traduttrice e finissima dicitrice, critica d’arte, performer e intellettuale di rango. Non resta che augurare lunga vita a questo festival della poesia italo-irlandese che predica il verbo della scrittura. Specialmente fra i giovani che di stimoli sani hanno, oggi come mai, estremo bisogno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Italia e Irlanda si abbracciano nel segno di 'Versi DiVersi', giunto alla 17.ma edizione

PerugiaToday è in caricamento