Eventi

INVIATO CITTADINO Corciano Festival 2020. Piccola quantità, grossa qualità

Brilla la stella dei Billi Brass Quintet & Friends nell’evento “Morricone & Friends”

Corciano Festival 2020. Piccola quantità, grossa qualità. Mentre brilla la stella dei Billi Brass Quintet & Friends nell’evento “Morricone & Friends”. Manifestazione di chiusura dell’edizione mini di quest’anno.

Antonio Pagana spiega le ragioni dell’edizione ridotta. L’assessore Carlotta Caponi, in fascia tricolore, fa gli onori di casa per conto dell’Amministrazione comunale

Storie di musica e di amicizia. Col Maestro Massimo Bartoletti a condurre, con consumata nonchalance e straordinaria simpatia, le danze di un programma coi fiocchi. Non senza ricordare il quarantennale rapporto di affetto, ampiamente ricambiato, con la città eponima di Coragino, nella cui piazza si celebra l’evento.

Si comincia con la strepitosa “Rumba Saraghina” che ricorda il personaggio felliniano nel centenario dalla nascita del regista riminese. Una sarabanda gioiosa e complice in cui Bartoletti spara acuti col docile strumento dalla voce strepitosa. Sembra che faccia per scherzo, Bartoletti, ma ha un curriculum cospicuo come un volume della Treccani.

Il cursus honorum dei Billi Brass Quintet muove dal 2012 e si dipana attraverso repertorio classico e jazz, con riconoscimenti in àmbito nazionale e internazionale. In platea un manipolo di estimatori: dalla cantante Daniela Tenerini (nel cui gruppo “Four Season Swing Soul Band” suona Paolo Bartoni, padre di Davide e Benedetta, musicisti di vaglia che citeremo sotto) al pittore Stefano Chiacchella, autore della copertina del loro ciddì.

La compagine è formata da Davide Bartoni e Gabriele Paggi alla tromba, Gabriele Ricci al corno, Flavio Pannacci al trombone e Guglielmo Pastorelli alla tuba.

Special guest Massimo Bartoletti che, malgrado la pensione, non tira i remi in barca: al contrario, si diverte ancora a suonare, a cazzeggiare, a fingere astute distrazioni, animando e trascinando il pubblico in complici battimani.

Caramella al miele, in questa fresca serata corcianese, Benedetta Bartoni, giovane flautista, già vista nei panni di Menestrella nella serata boccaccesca e qui con due brani e uno strepitoso bis. Come si dice: buon sangue non mente. Mentre mamma e papà, tra il pubblico, oscillano fra orgoglio e commozione.

Filo rosso del programma, la musica da film, italiana e straniera: da Rota e Morricone, a Piovani, fino a Stewie Wonder e Kaempfert (uno “Stranger in the night” fortemente evocativo).

Il Corciano Festival – come si dice – “se non ci fosse, bisognerebbe inventarlo”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Corciano Festival 2020. Piccola quantità, grossa qualità

PerugiaToday è in caricamento