Il Green Music Festival chiude coi fuochi d’artificio: edizione 2018 già pronta

Chiude coi fuochi d’artificio il Green Music Festival. Ultima tappa, presso la splendida  cornice naturale del laghetto di Pietrafitta, di quel magico evento che il Maestro Maurizio Mastrini ha voluto, con modestia, definire ”numero zero”. Ma che – visto il considerevole consenso suscitato, l’elevato numero di artisti e spettatori coinvolti – si avvia a diventare un efficace prototipo che scandirà, anche l’anno prossimo, la felice sinergia tra musica e territorio piegarese.

All’ultimo concerto hanno aderito partecipanti in scarpette da ginnastica, al fine di seguire da vicino l’esibizione della Marching band “Lacus Iste Dixie Band” di 5 elementi.

Costoro hanno compiuto, soffiando negli strumenti, il percorso perimetrale del laghetto della misura di circa 6 chilometri. Ma, col caldo che faceva, gli spettatori più prudenti si sono accontentati del percorso di duemila metri.

Visti i lusinghieri risultati, ha funzionato alla perfezione l’intuizione del Maestro “a piedi nudi”, Mastrini, di collocare la serie di concerti di robusta qualità entro “teatri naturali nascosti” del territorio di Piegaro.  Località come Greppolischieto, Gaiche, Macereto, Ginetreto hanno funto da palcoscenici naturali, tra olivi e girasoli, giardini e castelli poco noti ai più.

Mastrini – reduce dal successo internazionale del suo ciddì-spettacolo “W la vita!” – ci dice: “Sono felice per essere riuscito a portare musicisti d’eccellenza in luoghi che sono vere perle dell’Umbria”. C’è un motivo particolare di compiacimento? “Certamente: quello di aver donato musica e cultura alla terra in cui sono nato. Oltre alla soddisfazione di suonare, a tre decenni di distanza, nei luoghi a me cari e per le persone che hanno segnato le tappe della mia crescita personale”.

Dove ha attinto le risorse necessarie? Risponde: “Ho avuto il coraggio, o l’incoscienza, di organizzare un festival con risorse economiche più che modeste. I musicisti, sia giovani che maturi, hanno avuto l’occasione di esibirsi in luoghi stupendi, accettando compensi irrisori”. Il cronista peraltro aggiunge, e garantisce, che il concerto di Mastrini al parco Rocolo è stato tenuto in forma assolutamente gratuita. Le prospettive? “La nostra compagine ‘I Mastri musici’ è pronta: l’edizione 2018 si farà, anche perché vari soggetti hanno garantito un sostegno: tra essi il Comune di Piegaro, insieme ad associazioni e aziende del territorio della Valnestore”. Un appuntamento imperdibile per quanti amano la musica e vogliono (ri)scoprire le bellezze del nostro territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Mi ha ridotto così divertendosi": Caterina denunciando tutto è riemersa dall'abisso: massacrata ma viva

  • Si perde nella palude per inseguire un animale, cane salvato dai vigili del fuoco

  • Albero crolla e si abbatte su una casa e su un'auto

  • Gualdo e comuni limitrofi, sale la preoccupazione per i furti: mezzo sospetto, scatta il tam-tam

  • Scontro tra bus e auto, un ferito a Todi

  • Malattie sessualmente trasmissibili e psoriasi, dermatologi a Perugia: "In aumento i casi, tutti i rischi"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento