Geriagogia, la "pedagogia dell’anziano": invecchiare non significa perdere efficienza e lucidità

“Attivare i neuroni dormienti”, questa l’unica ricetta per sfruttare la plasticità cerebrale, dice la dottoressa Stefania Palomba all’incontro dell’Ada, al Parco della Pescaia

“Attivare i neuroni dormienti”, questa l’unica ricetta per sfruttare la plasticità cerebrale, dice la dottoressa Stefania Palomba all’incontro dell’Ada, al Parco della Pescaia. Invecchiare non significa obbligatoriamente perdere efficienza e lucidità. Esistono modalità interattive, frutto di recenti studi di Geriagogia, la “pedagogia dell’anziano”.

“Innanzitutto – spiega Palomba – esistono quattro aspetti da curare: la dieta, l’attività fisica, lo stress (sempre da evitare) e i fattori psico-sociali”. Poi declina. Lo stile alimentare mediterraneo ha una propria conclamata efficacia, dimostrata dallo studio sui centenari, che oggi in Italia non sono più un’eccezione. Il costante esercizio fisico giova al fisico e alla mente. Intendiamoci: non la palestra tutti i giorni, ma un regolare esercizio di camminata riduce il fattore di rischio della sedentarietà.

E poi i danni dello stress che si esprime attraverso la rabbia e l’ostilità. “I centenari – afferma – sono tali in quanto portatori di una bassa intensità d’ansia”. Come dire deve esserci un adattamento alla quotidianità. In lingua perugina si dice “pijà l mondo come viene”. Il quarto aspetto da curare consiste nel privilegiare una vita socialmente attiva. Perché “vecchio” non è necessariamente sinonimo di fragilità e debolezza. Per un ragionevole “ben-essere” occorre un’elevata capacità di relazionare. Lo ha affermato anche l’Oms, confermando il detto di Giovenale “Mens sana in corpore sano”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il declino cognitivo è fisiologico, ma occorre imparare a “rimodellare” il cervello. Anche dopo un evento grave, occorre intercettare, e mettere a frutto, la riserva di risorse che è in noi. Ben venga, dunque, il “brain training”, ossia l’allenamento cerebrale. Con esercizi mirati per la memoria, il potenziamento del linguaggio e della razionalità, l’espletarsi di una piena creatività. Comunicazione di servizio: i gruppi di brain training operano, al Parco della Pescaia, il mercoledì alle 10. Meditate, anziani. Meditiamo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un borgo umbro tra i 20 paesi più belli d’Italia del 2020 scelti da Skyscanner

  • IMPORTANTE E' stato ritrovato a Perugia un Gatto del Bengala: si cerca il proprietario

  • INVIATO CITTADINO Alle sei del mattino due giovanissimi dormono davanti alla vetrina di un negozio: chiamata la Polizia

  • "Aiutatemi", ragazzo trovato nella notte legato a un albero: indagano i carabinieri

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Giovani coppie, single e famiglie con un solo genitore, dalla Regione quasi 4 milioni per l'acquisto della prima casa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento