Domenica, 19 Settembre 2021
Eventi

Field Day 2021, un grande evento di addestramento per radioamatori: la due giorni a Perugia

Una manifestazione dedicata agli appassionati di comunicazioni via radio che da Colle della Trinità e Città della Domenica metterà in collegamento Perugia con tutto il mondo, tramite le onde radio

Quanto siano importanti le comunicazioni via radio, lo si apprezza soprattutto nei momenti di emergenza. A questo proposito, nei giorni sabato 4 e domenica 5 settembre 2021 si svolgerà una importante manifestazione radioamatoriale: si tratta del Field Day HF I.A.R.U. Reg. 1 SSB – Memorial I0FLY Francesco Fiandra e del Contest I.A.R.U. Reg. 1 VHF.

Le sezioni perugine di CISAR e ARI, principali realtà nazionali del settore parteciperanno a questo evento. 

Gli associati dell’Associazione Radioamatori Italiani Sezione di Perugia A.P.S., nonché soci dell’A.R.I. Sezione di Perugia, prenderanno parte all'evento, durante il quale sarà possibile collegare, utilizzando stazioni radio configurate in regime di emergenza, centinaia di stazioni radioamatoriali sparse su tutto il territorio italiano e mondiale.

La sezione CISAR di Perugia (Centro Italiano Sperimentazioni e Attività Radiantistiche) invece, ha inquadrato questa manifestazione come evento di addestramento di operatori radio di Protezione CiIvile, tant'è che vi prenderà parte anche l'Associazione Nazionale Carabinieri, che porterà il supporto logistico per l'allestimento del campo.

Le operazioni ARI si svolgeranno sul Colle della Trinità, al confine fra i comuni di Perugia e di Corciano, che sono tra l'altro patrocinatori dell'iniziativa. L’operatività CISAR invece, patrocinata anch’essa dal comune di Perugia partirà dalla Città della Domenica, altro punto strategico per ottenere le migliori prestazioni per quanto concerne l’invio di trasmissioni radio.

Saranno installate diverse stazioni radio, distinte tra loro, alimentate autonomamente da gruppi elettrogeni di proprietà delle associazioni con sistemi di antenna costruiti ed installati al momento, esattamente come avviene quando i radioamatori chiamati a svolgere il Servizio di Radioamatore in territori soggetti ad emergenza e privi di elettricità e comunicazioni ordinarie.

Nel corso degli anni, entrambe le associazioni hanno già svolto dei test preliminari per verificare la bontà delle posizioni: i presupposti per avere una copertura globale del territorio italiano ci sono tutti, così come per ottenere una buona copertura anche a livello mondiale.

Come si svolgerà la manifestazione


Le operazioni inizieranno le prime ore della mattinata di sabato 4 con l’installazione delle tende che ospiteranno le stazioni radio ARI e CISAR (si prevedono apparecchiature trasmittenti in VHF e in HF).
Ad opera del Gruppo Protezione Civile di Corciano (ARI), contemporaneamente ai colleghi CISAR  tramite l’ausilio e la collaborazione dell’associazione Nazionale Carabinieri, si provvederà al montaggio delle antenne che saranno utilizzate durante le prove radio che inizieranno alle ore 13.00 UTC (15.00 locali) in HF e alle ore 14.00 UTC (16.00 locali) in VHF per terminare dopo 24 ore esatte.

Al termine delle operazioni radio si procederà allo smontaggio di tutte le strutture installate e alla bonifica del terreno circostante per rimuovere eventuali rifiuti.

Durante le operazioni radio sarà possibile visualizzare in tempo reale, su un apposito e separato monitor, l’elenco di tutte le stazioni collegate e la loro geolocalizzazione su “Google map” con la presenza di radioamatori che illustreranno in dettaglio tutto quanto sta avvenendo a chiunque ne faccia richiesta.

L’accesso all’interno delle tende dove saranno operative le stazioni radio sarà regolamentato da Green Pass e con accesso in numero limitato.

Presso le postazioni delle due associazioni alle ore 10.30 di domenica 5 settembre è convocata una conferenza stampa per illustrare l’importanza, ancora oggi, delle radiocomunicazioni del Servizio di Radioamatore in scenari soggetti ad emergenza (Terremoti, alluvioni, ecc.) e comunque laddove siano, anche momentaneamente, interrotte le telecomunicazioni ordinarie (telefoni, internet, ponti radio civili, ecc.) con la presenza di Autorità del Comune di Perugia, del Comune di Corciano e della Consulta per la Protezione Civile della Regione Umbria.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Field Day 2021, un grande evento di addestramento per radioamatori: la due giorni a Perugia

PerugiaToday è in caricamento