Martedì, 18 Maggio 2021
Eventi

Ospiti internazionali e grandi appuntamenti: torna uno dei festival più attesi dell'Umbria

La terza edizione del Festival del Medioevo si terrà a Gubbio dal 27 settembre al 1 ottobre 2017. Una manifestazione la cui storia dimostra come possano convivere divulgazione alta e vasto seguito di pubblico

Non c’è due senza tre. E tante altre ne verranno: sempre più ricche e articolate. La terza edizione del Festival del Medioevo si terrà a Gubbio dal 27 settembre al 1 ottobre 2017. L’Umbria può vantare un unicum, inventato da un giornalista di razza come Federico Fioravanti. Una manifestazione la cui storia dimostra come possano convivere divulgazione alta e vasto seguito di pubblico.

Efficace la sintesi di presenze internazionali, caratterizzate da un forte taglio specialistico, e la partecipazione di personaggi popolari: storici, giornalisti, uomini di spettacolo e cultura. Ma anche occasioni di mostre e rievocazioni, non abborracciate e superficiali, ma filologiche e di riconosciuto rigore.

Tra gli appuntamenti attesi, il must è la Fiera del libro medievale, con editori grandi e piccoli a proporre cataloghi di sicuro interesse. E poi tante curiosità, come l’incontro con gli amanuensi del terzo millennio (miniatori e calligrafi), esempi di artigianato medievale, il medioevo dei bambini. E perfino la “tavola rotonda del web” con contaminazioni goliardiche e social, ma anche dialogando con siti storici di prestigio.

Il Mercato medievale chiama in causa i quattro quartieri eugubini, presentando gastronomia e tradizioni del territorio. Spigolatura monetaria: gli acquisti si pagano in “quattrini” ed “eugubini” reperibili al banco di cambio. Molti i soggetti pubblici e privati che dànno credito alla manifestazione: Comune di Gubbio, Regione Umbria, Gal Alta Umbria, Camera di Commercio di Perugia, Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, MIBAC, ISIME.

Durante la manifestazione, Sergio Mattarella ha conferito la Medaglia d’Oro della Presidenza della Repubblica alla città di Gubbio come “espressione di apprezzamento per l’alto livello culturale del Festival del Medioevo”. Intorno all’edizione 2016 hanno ruotato oltre 50 mila persone.

Esistono, dunque, tutte le premesse perché l’edizione numero 3 confermi e superi i grandi numeri delle precedenti. Salvaguardando una qualità non facilmente reperibile nelle tante kermesse sparse per lo Stivale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospiti internazionali e grandi appuntamenti: torna uno dei festival più attesi dell'Umbria

PerugiaToday è in caricamento