menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Festa dell'olio e Sagra della Bruschetta: le date e tutte le novità in programma

Spello celebra il suo "oro" fra tradizione e innovazione con tante iniziative: esperienze sensoriali, degustazioni, showcooking e solidarietà

Fervono i preparativi per la 55esima edizione de ‘L’Oro di Spello Festa dell’olivo e Sagra della bruschetta’ in programma da venerdì 10 a domenica 12 febbraio. La kermesse consacrata all’olio è stata presentata sabato 4 febbraio nel palazzo comunale alla presenza di Moreno Landrini e Irene Falcinelli, rispettivamente sindaco e assessore alla cultura del Comune di Spello, Umberto Natale, presidente della Pro loco Iat di Spello, e Silvia Marcantoni, referente Psr.

Diverse le novità dell’edizione 2017 a cominciare dall’iniziativa ‘L’Oro di Spello incontra la cucina italiana’, coordinata dal giornalista e critico gastronomico Jacopo Fontaneto. “Si tratta di una novità – ha spiegato Falcinelli – che punta alla valorizzazione dell’olio nella gastronomia”. “Sotto questo punto di vista – gli ha fatto eco lo stesso Fontaneto in collegamento telefonico – il nostro obiettivo è quello di promuovere questo prodotto della terra, a livello nazionale e internazionale. Ecco perché nella tre giorni, a Spello arriveranno grandi chef che inseriranno questo prezioso ingrediente nei loro piatti, ma non solo. Si cimenteranno anche in prove gastronomiche a quattro mani con cuochi locali”. A incontrarsi saranno dunque una manifestazione che punta sulle eccellenze e chef emergenti, accumunati da un percorso di crescita.

“Il messaggio che lanciamo a questi cuochi – ha quindi concluso Fontaneto – è di venire a provare l’olio di Spello e a portarlo nei loro ristoranti”. Ma le novità di questa 55esima edizione sono anche altre. “Abbiamo deciso di coinvolgere tre istituti alberghieri umbri – ha aggiunto l’assessore Falcinelli – ciascuno dei quali vedrà docenti e studenti cimentarsi nella preparazione di piatti a base di olio. Una sorta di contest che si svilupperà in maniera del tutto amicale e senza una vera e propria sfida, anche se sarà presente una giuria presieduta da Jacopo Fontaneto”. “Ultimo aspetto da sottolineare – ha detto in conclusione Falcinelli – è quello della solidarietà, rappresentata da due momenti”. Il primo è quello che vedrà gli chef dietro ai fornelli per realizzare la pasta alla norcina nella giornata di sabato, all’amatriciana e alla carbonara in quella di domenica. Il secondo, dal titolo ‘Arte e solidarietà’, prevede nella mattinata di sabato la messa all’asta di 36 opere per una raccolta fondi da destinare al restauro di beni artistici delle zone colpite dal terremoto.

CONTINUA A LEGGERE

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento