menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Hollywood e Cinecittà in mostra in corso Vannucci: oggetti unici dalla fine dell'Ottocento

Fiorella ha voluto esporre presso le vetrine Stefanel di corso Vannucci, con la collaborazione della store manager, l’amica Doriana Stella

Il cappello e la borsetta della Loren, i “quasi gioielli” di Audrey Herpburn, un copricapo di visone con veletta, il porta cagnolino di una dama di via Veneto: reperti di tal fatta, a Perugia, non s’erano mai visti. Oggetti che parlano e raccontano un modo di stare al mondo. Raccolti in Italia e negli Stati Uniti d’America. Tra privati, collezionisti, trovarobato cinematografico. Questo e molto altro in una mostra che ha le caratteristiche di un racconto declinato attraverso la storia del costume e che ha la naturale sponda nel cinema, girato a Hollywood e Cinecittà, tra gli anni Quaranta e Sessanta del secolo scorso.

Oggetti indossati da dive e da signore eleganti, il cui comun denominatore è quello della passione per le grandi firme (avendo, naturalmente, a disposizione un portafogli robusto). Aperta in sincronismo con la kermesse Eurochocolate, si concluderà domenica prossima. Ma quelle vetrine, senza gli scrigni ripieni di gioielli e quei manichini che portano autentiche preziosità, non saranno più le stesse.

“È una raccolta di oggetti vintage, cronologicamente datati tra la fine dell’Ottocento e gli anni Ottanta del Novecento”, dice Fiorella Blasi, antica passione del collezionismo nel sangue e nelle ossa. Tanto da aver accumulato un materiale immenso, legato al settore abbigliamento e relativi complementi. Roba da far felice le signore e signorine del nostro tempo, non meno che a ricordare ambienti ed eleganze d’antan. Fiorella ha voluto esporre presso le vetrine Stefanel di corso Vannucci, con la collaborazione della store manager, l’amica Doriana Stella.

Ed è ininterrotta la processione di clienti e visitatori attratti dalla rarità degli oggetti esposti. Ieri facevano la fila un gruppo di cinesi. Una mostra che meriterebbe di diventare permanente. Da mettere in sinergia con la splendida rassegna sul cinema a Palazzo Baldeschi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento