menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

VISTI PER VOI Come Cristo comanda, spettacolo al Teatro della Filarmonica di Corciano

Massimo Wertmuller e Michele La Ginestra hanno presentato, sul palcoscenico del Teatro della Filarmonica di Corciano, lo spettacolo “Come Cristo comanda”. Il lavoro è stato scritto dallo stesso La Ginestra e vede protagonisti due soldati romani che si scoprono aver assistito al supplizio e alla morte di Cristo.

I due sono soli, nel deserto della Palestina, e riflettono sull’episodio di cui intuiscono la portata eccezionale. Il primo è Cassio, il centurione che aveva presieduto alla crocifissione. L’altro è Stefano, il soldato che porse a Cristo la spugna imbevuta di acqua e aceto (non atto di crudeltà,  ma di compassione, tiene a precisare).

Stefano si dichiara convinto di essere stato miracolato, per aver recuperato la vista grazie ad alcune gocce di sangue del Cristo, cadutegli sugli occhi. Cassio è scettico e, in chiusura, si rivela essere qualcosa di diverso da un commilitone e amico.

Fin qui la storia, certamente originale. Ma lo spettacolo mostra alcuni limiti e necessita di messe a punto. Interessante la scelta del dialetto romanesco per i dialoghi,  con qualche limitazione di gusto per compiacere il pubblico (che sembra aver un disperato bisogno di ridere, anche nel dramma).

Scene (Teresa Caruso), costumi (Giusy Nicoletti), luci, (Gian Marco Cacciani), musiche (Andrea Perrozzi), regia (Roberto Marafante con aiuto di Ludovica Di Donato)… tutto funziona. Eppure lo svolgimento appare un po’ legnoso. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Come ti frego il pacco lasciato dal corriere… se non sei svelto a ritirarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento