menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Corciano Festival 2020 apre alla grande con uno spaccato musicale e teatrale tra Medioevo e Rinascimento

Sul palcoscenico di piazza Coragino si alternano i Menestrelli di Corciano e gli attori di Farneto Teatro, in una felice sintesi affabulatoria. La peste coronavirus tinge coi colori dell’attualità le narrazioni boccaccesche relative all’amore. E i Menestrellli contribuiscono a creare un tappeto sonoro adatto alla bisogna

Corciano Festival 2020 apre con uno spaccato musicale e teatrale tra medioevo e rinascimento.

Sul palcoscenico di piazza Coragino si alternano i Menestrelli di Corciano e gli attori di Farneto Teatro, in una felice sintesi affabulatoria. La peste coronavirus tinge coi colori dell’attualità le narrazioni boccaccesche relative all’amore. E i Menestrellli contribuiscono a creare un tappeto sonoro adatto alla bisogna.

I musici e cantori rispondono ai nomi di Giovanni Brugnami, anima del gruppo (che data dal 1976) ai flauti e cornamusa, Benedetta Bartoni al flauto, Davide Bartoni alla tromba “a tirarsi”, Antonietta Battistoni, già maestra del coro, al canto e liuto, Ettore Caravella alle percussioni, Serena Fagioli, Gregorio Trombetta e Valeria Puletti alla viella, Maurizio Gabrielli, Angela Nucci e Mauro Speziali al canto, Alessandra Tiroli a canto e ghironda.

Repertorio che naviga dal secolo XIII al XVI.

Farneto Teatro propone uno spettacolo di rango, che in parte vedemmo. Il supporto musicale e sonoro è affidato al nostro Leonardo Ramadori, che fa veramente di tutto, e Sara Calvanelli, fisa e voce, presenza scenica di lusso.

Gli attori di Farneto Teatro sono impareggiabili a coniugare la peste boccaccesca con la pandemia attuale. Un gioco di allusioni, rimandi, mascherine messe e tolte, astute complicità. Gli attori fanno scintille: Marco Sgrosso, Emilia Scarpati Fanetti, Luca Mammoli, Elisabetta Vergani (una sicura conferma, sempre fresca e matura).

Inevitabile l’Andreuccio da Perugia, messo in scena da due attori che si sdoppiano in mille. Di particolare appeal la disinvolta Emilia, ciciliana di lusso, autoironica e seduttiva. Una giovane cui si aprono prospettive di sicura affermazione professionale.

Stasera si replica… senza Menestrelli. Peccato per chi li ha persi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento