Eventi

“Coltiviamo l’Integrazione”: alla ricerca di buone pratiche contro il caporalato, per la cooperazione e sulla migrazione

Analizzate dalla ONG perugina Tamat le buone pratiche di Sfruttazero in collaborazione con la Fondazione ISMU di Milano, l’Associazione I Tetti Colorati e la Robert F. Kennedy Human Rights Italia nell'ambito di un ampio progetto

Lo scorso 3 maggio si è svolto un importante incontro in modalità online all’interno del progetto “Coltiviamo l’Integrazione”. Il progetto è coordinato da Tamat NGO e coinvolge le città di Perugia, Milano e Ragusa, in collaborazione con la Fondazione ISMU di Milano, l’Associazione I Tetti Colorati e la Robert F. Kennedy Human Rights Italia. È finanziato a valere sul Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione del Ministero dell’Interno 2014-2020 – Obiettivo Specifico: 2.Integrazione / Migrazione legale – Obiettivo nazionale: ON 3 – Capacity Building lett. m) – Scambio di Buone Pratiche – Inclusione sociale ed economica SM. 

A causa della crisi sanitaria, l’iniziativa è di fatto stata una study visit virtuale. In questo senso i partner di progetto si sono potuti confrontare con alcune realtà individuate nel catalogo di progetto come buone pratiche.

Nello specifico il confronto è avvenuto con Sfruttazero, un progetto di autoproduzioni di salsa di pomodoro, di tipo cooperativo e mutualistico, promosso da persone italiane con difficoltà lavorative e persone straniere vittime di sfruttamento in agricoltura, portato avanti in Puglia. Dopo aver passato in rassegna le modalità del progetto di filiera, è stato sottolineato il ruolo fondamentale che hanno avuto e continuano ad avere le associazioni Solidaria di Bari e Diritti a Sud di Nardò nel contrasto al fenomeno del caporalato legato alla filiera del pomodoro. Infatti, grazie al radicamento territoriale e attraverso le attività produttive, non solo si stanno garantendo diritti e salario, ma uno dei simboli dello sfruttamento in agricoltura, cioè il pomodoro, sta diventando sempre più un simbolo di autonomia.

"Siamo di fronte a percorsi e risultati che testimoniano una riflessione profonda e sempre più attuale sulla relazione tra cooperazione e migrazione: le reti territoriali supportano progetti di formazione e lavoro e ne aumentano l’impatto rispetto alle comunità locali. Un vero e proprio modello di cooperazione a tutte le latitudini", affermano da Tamat NGO.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Coltiviamo l’Integrazione”: alla ricerca di buone pratiche contro il caporalato, per la cooperazione e sulla migrazione

PerugiaToday è in caricamento