Capodanno Matto, oltre 500 persone: "Leonardo Cenci ha testimoniato che la vita è un dono meraviglioso"

Un grande numero di amici e affezionati all’associazione hanno voluto far sentire il proprio calore in una festa, organizzata proprio come avrebbe voluto Leonardo

Oltre 500 persone alla Città della Domenica per il primo “Capodanno Matto” senza Leo. Un grande numero di amici e affezionati all’associazione hanno voluto far sentire il proprio calore in una festa, organizzata proprio come avrebbe voluto Leonardo. 

Una festa che ha visto la presenza di tanti amici dello spettacolo: Marco Bocci e Laura Chiatti hanno inviato un video, Antonio Mezzancella, Annalisa Baldi, Andrea paris, Nicola Pesaresi, Magic Andrea, i 7 Cervelli, il dj set di Max Radio. Tutto magistralmente condotto da Massimo Zamponi. Ospiti istituzionali il vicepresidente della Provincia di Perugia, Sandro Pasquali, il consigliere regionale Andrea Fora e gli assessori del Comune di Perugia, Edi Cicchi e Clara Pastorelli. 

“Tanti amici accomunati da un legame ad una persona: Leonardo Cenci, capace di testimoniare in modo sincero e incisivo una realtà semplice e sotto gli occhi di tutti, che la vita è un dono meraviglioso”, ha detto Federico Cenci introducendo la cerimonia. “Un momento che ha voluto, come diceva Leo, far vivere la festa a chi quotidianamete vive invece la malattia, grazie alla presenza di tutte le associazioni impegnate nel sociale e in particolare nell’ambito della malattia oncologica”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Leonardo – ha aggiunto Federico -  nel periodo della sua malattia diceva spesso che non gradiva sentirsi domandare "come stai?" diceva che la domanda stona e mette in difficoltà un malato oncologico grave perché la realtà non porta facilmente un risposta tipo "bene". Leo se la cavava dicendo " meglio che posso", concentrandosi poi su ciò che poteva riuscire a fare bene senza troppo pensare alla sua condizione dello stare bene. E Leo ha voluto fortemente fare bene, e la lista del suo fare bene sarebbe lunga da elencare compiutamente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • Umbria, follia al supermercato: gira senza mascherina e prende a testate l'uomo che gli chiede di indossarla

  • I migliori ristoranti di Perugia, la classifica dei primi dieci

  • Umbria, incidente lungo la E45: muore motociclista, strada chiusa al traffico

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

  • Massacra la madre a furia di pugni e calci, cerca di bruciarla viva e poi scappa: catturato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento