Domenica, 14 Luglio 2024
Eventi Torgiano

Una piacevolissima Bohème "a base di Umbria" per riscoprire la bellezza dell'opera lirica

Un successo l'esecuzione andata in scena a Brufa il 25 Agosto con un cast di livello a prevalenza umbro: l'opera lirica merita più spazio in una regione che sa esprimere anche grandi talenti

Nella suggestiva cornice del Parco delle Sculture di Brufa, in una serata di fine estate dove non sono mancate, a fare da scenografia, suggestive stelle cadenti, è andata in scena una elegante interpretazione de La Bohéme di Giacomo Puccini con un cast a maggioranza umbro.

L'opera era già stata portata a Perugia da Ermanno Fasano, impresario della Solti, in collaborazione con il Coro Lirico dell'Umbria e l’associazione Musica e Palcoscenico di Roma lo scorso 24 luglio, ai Giardini del Frontone, registrando un grande successo.

In questa edizione il ruolo di Mimì è stato interpretato con soavità e sentimento dal soprano perugino Sarah Piccioni, che ha condiviso la scena con Rino Matafù nei panni dell'iinamorato Rodolfo e con un altro perugino, il baritono Giulio Boschetti, recentemente impegnato in un altro grande successo, il don Givanni di Moni Ovadia.

Nell'essenzialità della scenografia, una menzione va fatta agli arredi di scena, tutti storici. In una esecuzione in cui la musica dell'Orschestra Sinfonica Città di Grosseto, diretta dal Maestro Massimo Merone ha descritto ambienti e atmosfere, un plauso meritato va infine a tutto il cast. Dalla grintosa Musetta, interpretata da Viola Sofia Nisio, reduce del successo ottenuto con napoli Milionaria a Pisa, ai compagni bohemien Valerio Garzi (Schaunard) e l'umbro di adozione Stefano Rinaldi Miliani (Colline), che vanta una carriera internazionale, ma anche a Ferrucio Finetti e Marco Cetra.

E naturalmente, grande protagonista anche il Coro Lirico dell'Umbria, diretto dal Maestro Sergio Briziarelli, che arricchito la performance dei solisti portando alla ribalta un'ensemble di coristi preparati e appassionati del canto lirico. Il publico umbro merita più occasioni di godere di un'opera lirica curata con tanta meticolosità da un impresario coraggioso e innamorato dell'arte come Ermanno Fasano, con il sostegno della Proloco di Brufa e del Comune di Torgiano. Aspettiamo ora altre proposte nel prossimo inverno, al Teatro Morlacchi di Perugia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una piacevolissima Bohème "a base di Umbria" per riscoprire la bellezza dell'opera lirica
PerugiaToday è in caricamento