“Ascoltare più jazz e per tutto l’anno”, parola di 'donna' Valeria Guarducci

Questa la filosofia di "Food & Jazz dal Vino", presentata – al ristorante enoteca Giò Arte e Vini – la quinta edizione (2019-2020) della kermesse

“Ascoltare più jazz e per tutto l’anno” questa la filosofia di “Food & Jazz dal Vino”, parola di ‘donna’ Valeria Guarducci. Il gioco di parole “vino/vivo” è anche reso da una grafica accattivante.

Presentata – al Ristorante enoteca Giò Arte e Vini – la quinta edizione (2019-2020) della Kermesse che celebra congiuntamente enogastronomia, arte e musica jazz. Circola anche una battuta che suona “Ogni jazz ha il suo Pagnotta”, in riferimento al cognomonimia di Carlo, Fondatore di UJ, e Lavinia, direttore artistico dell’evento, con la collaborazione della Perugia Big Band (presenti Mauro Radici e Alberto Mommi) e di Vincenzo La Gioia, autore poligrafo, consulente musicale di Rai e Mediaset.

Brillante il bilancio che vede marcata la fincatura dei profitti da ben 64 concerti, 143 artisti e 11 gruppi musicali.

Salvatore De Iaco, cuoco e storico dell’alimentazione, espone la propria filosofia “Cucina Pop in jazz” che si richiama alle radici popolari della cultura alimentare, fra diegesi popolare e salvaguardia dell’identità antropologica culinaria, umbra e non solo.

Oltre agli incontri che coniugano arte e jazz, sono previste 5 serate di venerdì, sotto il brand “Fish & Jazz DJ set” con pesce appena pescato e sottofondo musicale del dj perugino Goobee, al secolo Roberto Gubbiotti.

Il direttore artistico del segmento “arti figurative” è il collaudato Stefano Chiacchella che propone ben 8 donne in giostra: lui al centro di un incontro e tutte le fanciulle, presentate da critici di rango. Si tratta di Chigusa Kuraishi (giapponese), delle italianissime Stefania Rosichetti, Monia Romanelli, Laura Alunni, Michela Peccini, Carla Medici, Donatella Marinucci e della tedesca Arnhild Kart.

L’evento finale del 28 marzo vedrà una collettiva di tutti gli artisti con la parte musicale a carico di Carolina Bubbico & Perugia Big Band, con il 30% del ricavato a favore delle Associazioni Aild (presente Cecilia Villani) e Ass. Viva.

Si annuncia anche la prosecuzione dell’iniziativa “bottiglie d’autore”, con etichette d’arte degli stessi artisti partecipanti agli eventi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Numerosi e accreditati i musicisti, italiani e stranieri. Perché – sottolinea Mauro Radici – la contaminazione di linguaggi e lo scambio di esperienze costituisce il sale della musica jazz.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il buono postale regalato dalla nonna è scaduto e non pagabile, la nipote vince la causa

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Massacra la madre a furia di pugni e calci, cerca di bruciarla viva e poi scappa: catturato

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 settembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento