Eventi

VISTI PER VOI All’arena del Borgobello “Vuoti”, uno spettacolo “pieno” di riflessioni sulla condizione giovanile

Lo propongono Breakfast Club Teatro & Micro Terra Marique, con due giovani interpreti, Ilaria Pigliautile e Francesco Rinaldi, diretti con mano sicura e piglio professionale da Claudio Massimo Paternò

All’arena del Borgobello “Vuoti”, uno spettacolo “pieno” di riflessioni sulla condizione giovanile. Lo propongono Breakfast Club Teatro & Micro Terra Marique, con due giovani interpreti, Ilaria Pigliautile e Francesco Rinaldi, diretti con mano sicura e piglio professionale da Claudio Massimo Paternò.

Il tema è quello dei giovani “vuoti a perdere”, in un società che non si cura della loro condizione sociale, economica, antropologica. Tanto che i due vivono in perenne attesa di Godot. O come Giovanni Drogo alla fortezza Bastiani nel Deserto dei tartari.

C’è felice pantomima e poetica circense, suggeriti da costumi felliniani. Materiali di scena ridotti all’essenziale: una bottiglia vuota, legata talora a una corda, in attesa del varo di quella nave che si chiama lavoro, civismo, solidarietà. Una corda lunghissima, che s’intreccia e risulta difficile da districare, come gli snodi di una condizione esistenziale confusa e contraddittoria. E poi qualche palloncino, una sedia, un ascensore immaginario che rievoca l’epoca dell’‘ascensore sociale’, quando i giovani potevano, con impegno, aspirare a salire la scala della collocazione nel mondo, operazione oggi sempre più impervia.

In questa ricerca del Graal, si lotta tra scherzi cinici e lirismo, si ride e si riflette. Perché è proprio il riso, nevrotico e amarissimo, non la derisione, a fornire la misura delle contraddizioni in cui il mondo giovanile si dibatte, invischiato dalla crisi.

Questa società “contenitore” si mostra inadeguata a fornire speranza e contenuti alle fasce giovanili, sempre più neglette e costrette all’invenzione quotidiana dell’arrabattarsi. Classi subalterne per definizione, subentrate alle masse operaie e contadine di un tempo. Con la differenza di un diploma o di una laurea in più.

Uno spettacolo, insomma, che propone riflessioni, non soluzioni. Dice la verità sorridendo. Con amarezza. Ma forse (anche) con un filo di speranza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

VISTI PER VOI All’arena del Borgobello “Vuoti”, uno spettacolo “pieno” di riflessioni sulla condizione giovanile

PerugiaToday è in caricamento