menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Progetti capitiniani, tutte le iniziative per promuovere il filosofo di Palazzo dei Priori

Cambio di passo per le iniziative capitiniane con una serie di progetti, unificati dallo scopo di qualificare le attività culturali della città nel ricordo dei suoi personaggi illustri

Cambio di passo per le iniziative capitiniane con una serie di progetti, unificati dallo scopo di qualificare le attività culturali della città nel ricordo dei suoi personaggi illustri. Innanzitutto – come da noi anticipato – è uscita, ad opera di Lanfranco Binni, la biografia di Bruno Enei, molto legato al filosofo della nonviolenza.

È pur vero che il «comitato Aldo Capitini 2018» ha esaurito la sua funzione ed è stato sciolto, ma il lavoro prosegue su quattro terreni principali, a noi indicati dall’amico Lanfranco. Continua a ritmo deciso l’edizione delle opere (nella collana «Opere di Aldo Capitini», coedizione tra Il Ponte Editore, Fondo Walter Binni e Fondazione Centro studi Aldo Capitini). Il prossimo libro ripubblicato sarà “Educazione aperta” (1967-1968), in due volumi.

Quanto agli strumenti di studio, si va avanti con la digitalizzazione dell'archivio Capitini all'Archivio di Stato di Perugia. Per la pubblicazione dei carteggi, è in preparazione quello tra Capitini e Luigi Russo, a cura di Antonio Resta. Relativamente alle nuove ricerche, è in corso quella di Maurizio Pagano sull'esperienza dei COS 1944-1948 a livello nazionale. Resta costante la formazione di insegnanti e attivisti, tramite incontri periodici a San Matteo degli Armeni. Il primo incontro sarà dedicato a Emma Thomas, cofondatrice con Capitini dei COR (Centri di Orientamento Religioso).

Cultori e studiosi del pensiero capitiniano si sono incontrati in Palazzo dei Priori, nell'ex studiolo di Capitini, attuale ufficio di Marco Pierini. Per la Galleria Nazionale dell'Umbria erano presenti Marina Bon e Marco Pierini. La buona notizia è che, entro la fine del 2020, verrà riallestita la Sala dell'Orologio, e già da oggi è visitabile l'appartamento capitiniano a cura della sezione didattica della Galleria.

Alla riunione erano presenti, Anna Alberti (Archivio di Stato), Lanfranco Binni (Fondo Walter Binni), Giuseppe Moscati (Fondazione Capitini), Gabriele De Veris (Biblioteca di San Matteo degli Armeni), Stefano De Cenzo e Salvatore Lo Leggio (per «micropolis»), Vanni Capoccia (Società operaia di mutuo soccorso), Daniele Crotti (Nuova Brigata Pretolana), Alba Cavicchi (Istituto per la Storia dell'Umbria Contemporanea). Esclusiva la notizia che la poetessa Anna Maria Farabbi sta preparando una nuova edizione dell’opera capitiniana «Colloquio corale» per Lietocolle edizioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento