Martedì, 22 Giugno 2021
Eventi

VISTI PER VOI Al Morlacchi, teatro di parola insieme a musica jazz in ricordo di Chet Baker

Entusiasma lo spettacolo che vede al centro Paolo Fresu suonare su una drammaturgia di Leo Muscato e Laura Perini

Al Morlacchi, teatro di parola insieme a musica jazz, in ricordo di Chet Baker. Entusiasma lo spettacolo che vede al centro Paolo Fresu suonare su una drammaturgia di Leo Muscato e Laura Perini.

È la storia di un personaggio predestinato alla sconfitta, anche se capace di imprimere una svolta al mondo musicale statunitense.

Il piccolo gruppo musicale è mirabilmente capitanato da Paolo Fresu alla tromba e al flicorno. Gli attori sono Alessandro Averone, Rufin Doh, Paolo Li Volsi, Debora Mancini, Daniele Marmi, Mauro Parrinello, Graziano Piazza e Laura Pozone.

Il racconto si dipana fra memorie e tranches de vie, tra passato e presente, con gli alti e bassi di una vita bruciata dalla droga, da spacciatori e manager disonesti. Il valore della famiglia non fu sufficiente a recuperare il musicista “maledetto”.

La drammaturgia è punteggiata e sottesa da una colonna musicale straordinaria.

Chet Baker, un artista inadatto a reggere lo stress della professione, a gestire il proprio incommensurabile talento.

Una vita “spericolata” i cui connotati contrastano incredibilmente con la sua musica, connotata da un assoluto rigore formale.

La colonna sonora dell’opera teatrale composta da Paolo Fresu e interpretata assieme a Dino Rubino (pianoforte) e Marco Bardoscia (contrabbasso) è anche un disco, di cui Fresu ha curato la produzione artistica ed esecutiva per la T?k Music.

Lo spettacolo, impreziosito da una scenografia di grande effetto, è perfetto, ma sembra sacrificare un po’ il lavoro di Fresu. Il quale, generosamente, fa un passo indietro e si misura con discrezione, per dare spazio alla narrazione biografica. Grande prova di dazionalità, da parte di un artista che stimiamo e che abbiamo recentemente sentito al Brufani, per il Jazz Club Perugia, esprimersi a livelli di assoluta eccezionalità.

Nota di peruginità: pochi sanno che con Chet Baker suonò anche il nostro (mai troppo rimpianto) Giorgio Straccivarius (all’anagrafe Silvano Cenci). Ne abbiamo viste le prove fotografiche e raccolto le informazioni dalla viva voce di Silvano. Due caratteri che andavano d’accordo: divergenti ed emarginati. Entrambi grandi, ma perdenti.

Perugia se ne è dimenticata o forse non lo sa. All’Inviato Cittadino, custode di memorie perugine, piace ricordarlo ai nostri lettori.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

VISTI PER VOI Al Morlacchi, teatro di parola insieme a musica jazz in ricordo di Chet Baker

PerugiaToday è in caricamento