rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Eventi Centro Storico

INVIATO CITTADINO Alla Stranieri tre opere musicali ottocentesche conquistano il pubblico dei musicofili

Agimus in azione. Sulla scena tre talenti dell’Ensemble Strumentale da Camera del nostro conservatorio Morlacchi. In collaborazione con la Classe di Musica, docente Costantino Mastroprimiano

Agimus in action. Alla Stranieri tre opere musicali ottocentesche conquistano il pubblico dei musicofili. Sulla scena tre talenti dell’Ensemble Strumentale da Camera del nostro conservatorio Morlacchi. In collaborazione con la Classe di Musica, docente Costantino Mastroprimiano.

Agli strumenti la violinista Vittoria Vignaroli, il violoncellista Stefano Coco e il pianista Francesco Marroni. Un tris d’assi fortemente affiatato che ha proposto Mendelssohn, Schubert e Beethoven, con opere datate, rispettivamente, 1839, 1816 e 1808.

Per Mendelssohn il Trio in re minore, op. 49, elogiata da Schumann come “eccellente composizione che … delizierà i nostri nipoti e pronipoti”. Le tre voci strumentali sono state mirabilmente fuse e coordinate da un efficace lavoro di pianoforte.

Di Schubert la Sonata in re maggiore op. 137 n.1 si è dipanata in un interessante dialogo fra piano e violino, con spiccate influenze mozartiane.

Di Beethoven il Trio in re maggiore, op. 70, n.1, il cosiddetto trio “degli spettri”, presumibilmente legata a un progetto sul Machbeth scespiriano.

Un concerto prezioso, grandemente apprezzato da numerosi editui di Euterpe. Con vivi complimenti ai tre giovani per i quali si aprono interessanti e qualificati percorsi professionali.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Alla Stranieri tre opere musicali ottocentesche conquistano il pubblico dei musicofili

PerugiaToday è in caricamento