A Panicale si mettono in mostra le Prospettive della figurazione di Chiacchella

Il tema è proposto nella chiesa del martire narbonense, dove spicca, appunto, il martirio di San Sebastiano, affrescato dal Divin Pittore. L’esposizione-confronto durerà fino al 29 settembre

A Panicale si mettono in mostra le “Prospettive della figurazione”, attraverso le opere di Stefano Chiacchella. Il tema è proposto nella chiesa del martire narbonense, dove spicca, appunto, il martirio di San Sebastiano, affrescato dal Divin Pittore. L’esposizione-confronto durerà fino al 29 settembre.

Figurazione come chiarezza narrativa, frutto di destrezza d’occhio, di cuore e di pennello. La figurazione viene da lontano: è una di quelle modalità solide e “oneste” che non passano mai di moda.

Cosa accomuna l’opera figurativa di Pietro Vannucci e quella di Stefano? Il destino ha voluto che lo stesso luogo natio fosse viciniore: Castiglione del Lago e Città della Pieve, due realtà per certi versi sorelle. Tra influenze lacustri e toscanismi.

Analogie e differenze, percorsi cronologicamente lontani, eppure straordinariamente paralleli. Raffigurazioni religiose (frutto della committenza) le une, narrazioni laicissime e irriverenti le altre, frutto di un carattere decisamente controcorrente. Questa la sfida esegetica affrontata da Claudia Spulcia, critica emergente, e da Guido Buffoni, antico sodale e accreditato studioso delle opere e dei giorni del pittore castiglionese, perugino d’adozione.

Punti di vista, orizzonti, stilemi che s’incontrano, si lambiscono e confliggono, risuonano armonie e stridono dissonanze.

Chiacchella come Perugino contemporaneo? Perché no.

Non è un caso che i cartoni del Perugino riproponessero uniformità nella diversità. Nessuna meraviglia se lo stigma di Chiacchella riproponga corpi vistosi, greche connotative, lettere e frasi che suggeriscono sfide interpretative e letture irriverenti. Un mondo, insomma, quello di Chiacchella, che si propone come intimazione laica alla religiosità del Perugino (“pietas”, si dice, piuttosto falsa e ipocritamente esibita dal pittore pievese).

Però, in entrambi, una trasfigurazione del reale. Modelle bellissime – e forse di dubbia moralità – che diventano Madonne eteree e gentili nell’opera del Perugino. Corpi palestrati e seducenti nelle tele di Chiacchella. E poi, di qua la musica degli angeli; di là le note sparate del jazz, la sensualità che va oltre la sessualità. Avidità e ripetitività ben note, in Perugino. Disinteresse economico e variazione di temi in Chiacchella.

Insomma un accostamento un po’ provocatorio e insolente, come deve essere un agone-disfida. Che dimostra, sebbene in mutate forme, straordinarie somiglianze, o addirittura identità. Mutatis mutandis. S’intende.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sebastiano, con san Rocco, protettore contro la peste. Chiacchella che vede “come la peste” la banalità dell’informale, quando non è supportata da un’adeguata capacità di figurazione. La figurazione, appunto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 4 positivi a Passignano sul Trasimeno, il sindaco blocca eventi, feste e cerimonie

  • Tragedia in Grecia: a Solomeo l'ultimo saluto a Carlotta Martellini, fiore appassito troppo in fretta

  • L'ultimo saluto a Carlotta Martellini, il funerale fissato per sabato 1 agosto a Solomeo

  • Scooter parcheggiato davanti alla porta di casa per una notte intera: "Complimenti, il centro è tutto tuo"

  • Tragedia di Mykonos, Carlotta e la sua risata: il ricordo delle amiche. Il professore ai genitori: "Avete solo cercato la felicità di vostra figlia"

  • Coronavirus in Umbria, è un neonato il nuovo paziente ricoverato a Perugia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento