Webred, esclusa privatizzazione: sindacati soddisfatti

I sindacati di Cgil, Cisl e Uil si ritengono sosddisfatti dell'esito dell'incontro con l'assessore regionale, Rossi sul sistema informatico regionale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PerugiaToday

Cgil, Cisl e Uil dell'Umbria insieme alle categorie Filcams, Fisascat e Uiltucs, le Rsu di Webred s.p.a. e Webred Servizi, considerano importante l'incontro che si è svolto con l'assessore regionale al Bilancio e Programmazione, Gianluca Rossi, sul tema riguardante il sistema informatico regionale e in particolare sugli aspetti relativi alle società della Webred.

Nell'incontro sono emersi elementi che fanno chiarezza rispetto al dibattito che si è sviluppato in questi mesi, con dichiarazioni e posizione pubbliche, in particolare sull'ipotesi di privatizzazione del sistema pubblico informatico.

Dal confronto e in base a quanto sostenuto dall'assessore Rossi, è emerso con evidente chiarezza che una tale ipotesi non è in discussione, bensì si riconferma la volontà di procedere ad una decisa riorganizzazione del sistema informatico interno, mettendo a sistema le diverse realtà aziendali, con una strategia che sviluppi una competitività di sistema.

Questo dichiarato impegno, apre una nuova prospettiva e un percorso diverso da quello fino ad oggi ipotizzato. Un riassetto del sistema che dovrà misurarsi attraverso un piano di fattibilità, e un piano industriale capace di rafforzare la già positiva posizione dell'Umbria in tema di servizi informatici e accrescere ulteriormente tutte le potenzialità e le professionalità interne.

L'obiettivo di realizzazione di una Newco non pregiudicherà il sistema pubblico, anzi, l'idea è quella di operare attraverso un sistema aperto che mettendo insieme le diverse esperienze e con l'insieme delle società (Webred s.p.a. E Webred Servizi, Sir Centralcom, Hi Web e Centro Multimediale di Terni) potrà ridefinire ruoli e competenze e campi d'intervento.

Le organizzazioni sindacali, apprezzando ciò che è emerso dall'incontro, ritengono e ribadiscono che su tale impostazione e programma di lavoro si dovranno sviluppare ulteriori confronti di merito, così come aprire una discussione e un confronto sul piano di fattibilità e sul piano industriale per le diverse realtà e più in generale sul profilo della newco nei tempi e nei modi indicati nell'incontro. Si apre pertanto una nuova fase di confronto e di discussione, che porterà le organizzazioni sindacali già nei prossimi giorni a programmare le assemblee dei dipendenti delle società.

Torna su
PerugiaToday è in caricamento