Vissani contro tutti nel giorno della presentazione della Festa della Cipolla: nel mirino vegani, cuochi-futuristi e politici

E ancora: contro i politici che pensano solo alla poltrona ma anche contro quegli imprenditori che importano prodotti di bassa qualità

Incontenibile, irriverente, sanguigno, fuori dagli schemi ma innamorato della tradizione umbra e italiana. Gianfranco Vissani - nel giorno della presentazione della sagra invernare più importante dell'Umbria: La festa della Cipolla Winter - ha gettato al vento l'ipocrisia del politicamente corretto e in "nome del made in Italy" ha sparato a zero contro i vegani (e fruttariani) ma anche contro chi cucina con l'ozoto, contro i politici che pensano solo alla poltrona ma anche contro quegli imprenditori che importano prodotti di bassa qualità dalla Spagna e altre parti del mondo.

Ma le pesanti accuse di Vissani, uno dei più importanti cuochi del mondo, colpiscono anche gli allevamenti intensivi che producono carne che "appena iniziate a cuocere su una padella si ritira trasformandosi un quadratino". E da umbro libero attacca anche quella parte di made in Umbria solo a parole, forsè un po' furbetto: l'olio mischiato con prodotti da fuori paese, le patate di Colfiorito che non sono di Colfiorito, le lenticchie di castelluccio che non sono di Castelluccio. Mette sotto i riflettori il sospetto che qualcuno intasca denari pubblici per fare il made in Umbria ma acquista la produzione da fuori regione.

Non è uno show di Vissani, è la battaglia di Vissani elevata al mille per mille con degli sfondoni destinati a suscitare polemiche aspre - in primis l'attacco ai Vegani -: "Abbiamo un problema, siamo alla deriva. Dobbiamo fermarci e ragionare su come tutelare la nostra produzione di qualità che di fatto è la nostra storia e tradizione". Un Vissani non risparmia anche certe mamme: "quelle che ti dicono di togliere il grasso dalla carne, da dove si trova un animale senza grasso... e poi magari danno delle mele da mangiare che sono state trattate da mille pesticidi".

L'ATTACCO AI VEGANI (VEDI IL VIDEO) - "I Vegani ammazzeteli tutti, rompono i coglioni dalla mattina alla sera. ma o escono i fruttariani. Io mi chiedo chi ce li chiama in televisione, perchè voi giornalisti li intervistate. Noi dobbiamo vivere la realtà, noi siamo persone oneste che compriamo le cose e cercano il prodotto che non fa male".

L'ATTACCO AGLI ALLEVAMENTI INTENSIVI: "Sapete quanti pesticidi danno in un anno alle mele... e voi ve le mangiate tutte? Parliamo di questi allevamenti intensivi? Tra vacche, maiali... e i lepri, miliardi di capi in uno spazio ridico. Coltivazioni intensive? Che poi non sono prodotti italiani ma che arrivano dalla Spagna, perchè non è permesso sulle produzioni nostre di qualità... quello che permettono ad altri... fuori Paese. Noi siamo un altro mondo: famosi per l'olio, per il grano e per la nostra tradizione. Basta a tutta questa chimica che arriva in italia".

L'ATTACCO ALLA POLITICA - (VEDI IL VIDEO) - "Noi dobbiamo avere la certezza che acquistiamo un prodotto sano per noi, per i nostri figli, la terra è una e non ci sono cambi. Tiriamoci su le maniche, non solamente noi umbri, ma tutta l'Italia... siamo veramente alla deriva. E questi stanno facendo i bischeri perchè chi arriva prima alle elezioni per governare il Paese. Andassero a fanculo tutti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'ATTACCO AL MADE IN UMBRIA - "Questa piccola Umbria l'abbiamo distrutta non c'è più niente. Le lentichie di Castelluccio non si sa se arrivano anche dalla Grecia; la patata di Colfiorito... da dove viene? Tutta umbra o anche francese? C'è il latte per fare il pecorino? Insomma credo che sia chiaro che abbiamo diversi problemi. Dobbiamo ricostruire qualcosa di forte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso per l'assunzione di 2133 funzionari della pubblica amministrazione: il bando

  • Umbria, adolescenti trovati morti: uomo in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Umbria, Flavio e Gianluca morti dopo un mix di droghe: parlano i genitori

  • Omicidio Polizzi, la Cassazione scrive la parola fine: i Menenti tornano in carcere, Riccardo per sempre

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 12 luglio: due nuovi positivi, aumentano gli isolamenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 12 luglio: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento