rotate-mobile
Mercoledì, 7 Dicembre 2022
Economia

Umbria e futuro | La filiera del cioccolato come nuova frontiera economica per piccole e medie imprese

Michele Sciurpa (Sviluppumbria): "Uno straordinario volano non solo per valorizzare le nostre eccellenze produttive, culturali e turistiche, ma anche per lanciare partenariati internazionali"

La filiera del cioccolato come nuova frontiera economica per piccole e medie imprese, anche nei comuni minori a rischio spopolamento, in Umbria e nel Centro Italia. Una frontiera da far conoscere e da consolidare, anche tra i giovani imprenditori, e sostenere con bandi che finanziano l'idea fino al mercato locale e globale. La filiera del cioccolato è stata al centro di un inconto, nell’ambito di Eurochocolate in corso all’Umbriafiere di Bastia Umbra, promosso da Sviluppumbria con l’obiettivo di presentare le misure, i bandi e gli strumenti gestiti dalle Agenzie di Sviluppo delle Regioni Umbria, Marche e Abruzzo per sostenere la nascita e la crescita d’impresa.

L’evento si è articolato in due panel. La prima sessione, moderata da Mauro Marini, responsabile Funzioni operative di Sviluppumbria, è stata l’occasione per fare il punto su Nextappennino, il programma per il rilancio economico e sociale delle regioni del Centro Italia colpite dai terremoti del 2009 e 2016, finanziato dal fondo complementare al PNRR per le Aree Sisma. Il secondo panel, moderato da Marina Cecilia Sereni, responsabile Relazioni esterne e internazionali di Sviluppumbria, è stato promosso nell’ambito della rete europea Enterprise Europe Network, di cui l’Agenzia è coordinatore per l’Italia centrale, ed ha presentato le opportunità di internazionalizzazione e cooperazione tecnica legate alla filiera del cacao.

  “Dopo il successo dell’anno scorso, Sviluppumbria, Agenzia per lo Sviluppo Economico della Regione Umbria, ha confermato la sua presenza a Eurochocolate per promuovere i temi al centro della mission dell’Agenzia: creazione e sviluppo d'impresa, attrazione di idee, internazionalizzazione e promozione del territorio – ha dichiarato Michela Sciurpa, Amministratore Unico di Sviluppumbria SpA -   Partecipano per la seconda volta insieme a noi anche Svem e Abruzzo Sviluppo, con cui Sviluppumbria ha siglato un’alleanza strategica per mettere in campo quante più risorse possibili per il rilancio del Centro Italia. Importantissima in questo ambito la collaborazione delle Agenzie regionali con la struttura del Commissario Straordinario per la Ricostruzione e con Invitalia che ha attivato sinergie per accompagnare la ricostruzione fisica e materiale dei territori dell’Appennino centrale con importanti incentivi destinati agli investimenti imprenditoriali. La filiera del cioccolato e del food, così fortemente identitaria per la nostra regione – ha concluso Michela Sciurpa -, è uno straordinario volano non solo per valorizzare le nostre eccellenze produttive, culturali e turistiche, ma anche per lanciare partenariati internazionali innovativi con i Paesi produttori di cacao che possono trovare nelle nostre aziende competenze e tecnologie d’eccellenza per promuovere una cultura del cioccolato di qualità”.

 Il Presidente di Eurochocolate, Eugenio Guarducci, ha sottolineato che “stimolare la nascita e la crescita di aziende è un obiettivo che deve essere considerato sempre prioritario e occasioni come Eurochocolate possono svolgere un ruolo importante perché in grado di suggerire modelli creativi di ricerca e sviluppo non solo legati al settore dolciario”.

 “Come operatore attivo da 11 anni nei Paesi produttori di cacao per supportarli nella trasformazione, ritengo fondamentale favorire uno scambio con l’Italia che può mettere a disposizione competenze, tecnologia e servizi chiave per il settore cacao-cioccolato – ha evidenziato Andrea Mecozzi, esperto di filiere cacao e cioccolato di Cacao Solution - da qui l’opportunità per affermare uno stile italiano del cioccolato, come già fatto per vino e olio, ma anche una grande occasione per assicurarsi le migliori materie prime”.

Alla presentazione hanno partecipato anche Nicola Maramigi, Maitre Chocolatier e titolare di Cioccolato Perugia, Dominga Cotarella, Direttore marketing e commerciale di Famiglia Cotarella e Manlio La Rotonda di “Cacao Disidente”, arricchendo il confronto con il successo delle proprie “case history”.

“Siamo arrivati agli ultimi giorni di apertura dei bandi del Fondo sisma per il rilancio economico e sociale – ha detto Romano Benini, responsabile della struttura tecnica PNRR area sisma - I bandi sui contratti di sviluppo, chiusi nei giorni scorsi, hanno avuto un successo notevole, mostrando la vitalità e la resilienza delle imprese nonostante la crisi nei nostri territori. Ora abbiamo ancora altre opportunità da promuovere, soprattutto per le piccole imprese, di cui è opportuno parlare, per fare in modo che questi interventi, anche grazie al ruolo svolto dalle Agenzie regionali, siano da traino per le prossime misure di sostegno allo sviluppo legate alla programmazione regionale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Umbria e futuro | La filiera del cioccolato come nuova frontiera economica per piccole e medie imprese

PerugiaToday è in caricamento